Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Perché visitare la casa di Shakespeare ha spinto Bin Laden a odiare l’occidente

Immagine di copertina

Le pagine del diario personale di Bin Laden, i cui contenuti sono stati resi noti dalla Cia insieme a migliaia di documenti trovati nel suo covo in Pakistan, rivelano nuovi dettagli sulla vita del leader di al-Qaeda

L’odio di Osama Bin Laden nei confronti del mondo occidentale sarebbe maturato dopo la sua visita alla casa natale di William Shakespeare a Stratford-upon-Avon, nella contea inglese del Warwickshire. È quanto emerge da alcune pagine del diario personale del fondatore e leader del movimento terroristico al-Qaeda, i cui contenuti sono stati resi noti a seguito della decisione della Cia di desecretare quasi 470mila documenti sequestrati nel corso del raid statunitense del 2 maggio 2011 a Abbottabad, in Pakistan, in cui il terrorista arabo venne ucciso.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le parole sul viaggio nel Regno Unito, dove avrebbe trascorso dieci settimane da giovane per studiare, rappresentano la prima conferma ufficiale da parte di Bin Laden di un suo passaggio in un paese occidentale.

Bin Laden ricorda con queste parole i primi contatti con la cultura e la società britannica: “Mi diedero l’impressione di essere persone senza principi, ma la mia giovane età non mi permise di farmi un’idea precisa della vità lì. Ogni domenica andavamo a visitare la casa di Shakespeare. Non mi colpì affatto, bensì mi fece notare le differenze tra la loro società e la nostra, oltre a farmi comprendere la corruzione dei loro costumi”.

al-Qaeda
Il leader di al-Qaeda Bin Laden. Credit: Afp

Alcune pagine del diario sono state scritte da Khalid Bin Laden, uno dei figli del leader di al-Qaeda, anch’egli deceduto nel corso dell’operazione dei Navy Seals del 2011. In tutto si tratta di 288 pagine scritte a mano che includono riflessioni personali e sui programmi del gruppo terroristico.

Tra il materiale trovato nel covo del fondamentalista saudita ci sono anche lettere, file audio e video, incluso uno in cui si vede per la prima volta da adulto il figlio Hamza nel giorno del suo matrimonio.

Hamza Bin Laden, che oggi dovrebbe avere quasi 30 anni e la cui posizione attuale è sconosciuta, è stato indicato da più fonti come erede del padre nella guida di al-Qaeda.

I servizi segreti statunitensi hanno detto che si tratta di materiale “rilevante”, utile per “comprendere i piani e il metodo di lavoro delle organizzazioni terroristiche”. A causa di motivi legati alla sicurezza nazionale, però, non non tutti i documenti in loro possesso sono stati diffusi.

“La desecretazione di lettere, video, file audio e altri materiali rappresenta un’opportunità per i cittadini americani di conoscere meglio i piani e il lavoro di questa organizzazione terroristica”, ha detto il direttore della Cia, Mike Pompeo, nel corso di una conferenza stampa.

Nei file emergono anche i tentativi di al-Qaeda di sfruttare a proprio vantaggio i disordini della Primavera araba tra il 2010 e il 2011.

Inoltre, è stato reso noto che in un computer del covo di Abbottabad sono stati trovati episodi della serie tv britannica “Mr. Bean” doppiati in lingua pashtu, film statunitensi, cartoni animati per bambini e tre documentari sulla vita di Osama bin Laden.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”. Usa colpiscono obiettivi Houthi in Yemen
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”. Usa colpiscono obiettivi Houthi in Yemen
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel