Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una carovana di 9mila migranti partiti dall’Honduras marcia verso gli Stati Uniti

Immagine di copertina
Credits: AP

La carovana di migranti verso gli Usa

Una carovana umana di almeno 9mila persone avanza verso gli Stati Uniti. Sono i migranti partiti venerdì scorso da San Pedro Sula, in Honduras, paese che sta vivendo una crisi economica e umanitaria senza precedenti. Fra di loro molte famiglie e decine di bambini.

La carovana di migranti decisi a raggiungere il confine con gli Usa è bloccata da 48 ore in Guatemala nel dipartimento di Chiquimula. Fermati brutalmente dai militari guatemaltechi a colpi di lacrimogeni e manganelli, ora avanzano a gruppi, sperando che il presidente eletto Joe Biden, a differenza dell’ex Trump, li faccia entrare. Il governo del Guatemala sta cercando con ogni mezzo di scoraggiare i migranti “ad insistere in un progetto destinato quasi certamente al fallimento”. Da parte sua l’Istituto guatemalteco della migrazione (Img) ha reso noto che dal 14 gennaio a ieri “909 cittadini honduregni hanno deciso volontariamente di tornare in Patria”.
Di questi, 815 erano adulti e 94 minori non accompagnati.

Inoltre le autorità locali hanno intercettato 474 honduregni che non fanno parte della carovana bloccata a Chiquimula (376 adulti e 98 minori non accompagnati) consegnandoli all’Igm. Infine, il ministero della Salute del Guatemala ha riferito di avere localizzato 21 migranti dell’Honduras positivi al Covid-19, trasferendoli in centri sanitari dove resteranno in quarantena prima di fare ritorno al loro Paese. Drammatiche le testimonianze dei migranti raccolte dall’agenzia stampa AFP: “Non abbiamo né lavoro, né cibo, allora ho deciso di partire verso gli Stati Uniti con mia figlia”, ha detto Dania Hinestrosa, 23 anni, che lavorava come domestica e ha lasciato dietro di sé altri tre figli piccoli. “Partiamo con il cuore a pezzi“, le ha fatto eco Jessenia Ramirez, 36 anni, che a casa lascia l’intera famiglia.

Leggi anche: La criminalità organizzata galoppa grazie al Covid in America Latina

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli