Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Crede di perdere i capelli per lo stress, ragazza di 29 anni è stata avvelenata dalla muffa in casa

Immagine di copertina

"Visto che i medici non riuscivano a trovare nulla, ho cominciato a pensare che fosse tutto nella mia testa"

Emma Marshall, una ragazza di 29 anni, ha scoperto di essere stata avvelenata dalla muffa presente nel suo appartamento ad Hackney, Londra.

Perdeva i capelli, aveva il corpo ricoperto di macchie e aveva notato un evidente aumento di peso. La ragazza credeva che tutto questo fosse dovuto allo stress del lavoro: “Ho cominciato a soffrire di acne, esaurimento e dolori e dolori in tutto il corpo, ma ho pensato che fosse dovuto allo stress e al lavoro. Tutti mi dicevano che lavoravo troppo, che quei sintomi altro non erano che il risultato di stress e stanchezza”.

Emma preoccupata si è rivolta al medico di famiglia per riuscire a capire quale fosse la causa dei suoi problemi. “Visto che i medici non riuscivano a trovare nulla, ho cominciato a pensare che fosse tutto nella mia testa”, ha raccontato Emma al Mirror.

Dopo il medico di base, la 29enne si è rivolta anche a uno specialista in medicina funzionale. Dopo diversi esami è emerso che nel sangue Emma aveva livelli elevati di micotossine, le tossine naturali prodotte dalla muffa.

“Non avevo mai sentito parlare prima di ora di micotossine, i cui valori nel mio sangue erano alle stelle. Il mio corpo si stava lentamente intossicando”, ha dichiarato alla stampa Emma.

“Con quest’ultimo medico – ha aggiunto Emma – ho parlato di tutto e quando gli ho sottolineato che nel 2015 avevo cambiato casa, più o meno quando ho cominciato ad avvertire i primi malesseri, ha subito collegato tutto. È come se il mio corpo fosse stato avvelenato lentamente nel corso degli anni”.

La ragazza ha voluto rendere pubblico quello che le era successo e ha pubblicato le foto dei sintomi su Instagram.

Emma Marshall ha scoperto di essere stata avvelenata dalla muffa e ha voluto raccontare la sua storia alla stampa. Nel 2015 Emma Marshall si era trasferita in un appartamento nella zona di Hackney, zona est di Londra, dopo un anno ha iniziato a sentirsi male e le sue condizioni di salute sono peggiorate.

Per curarsi ha lanciato una campagna su GoFundMe: “I trattamenti non sono coperti attualmente dal Servizio sanitario nazionale inglese. Bisogna seguire un approccio alternativo, ma ci vorrà circa un anno prima di avere anche un tipo di ringiovanimento delle cellule staminali. Non lo faccio solo per me stessa. Voglio che anche altre persone si rendano conto di quanto sia pericoloso vivere con muffe”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Il governo spagnolo concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Il governo spagnolo concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)