Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Canada modifica l’inno nazionale in nome della parità di genere

Immagine di copertina

La camera dei comuni canadese ha votato a favore di una legge promossa dal partito Liberale che cambia la versione inglese del testo per renderlo più inclusivo

La camera dei comuni canadese ha approvato una legge che, in nome della parità di genere, modifica il testo della versione in inglese dell’inno nazionale. “O Canada” è stato composto nel 1880 in francese, mentre la sua versione anglofona è stata adottata nel 1908.

Il verso che verrà modificato è quello che recita “true patriot love in all thy sons command“, che tradotto in italiano significa “vero amore patriottico che domina in tutti i tuoi figli”.

Il deputato del partito Liberale Mauril Belanger, colpito dal morbo di Lou Gerich e costretto su una sedia a rotelle, ha proposto di eliminare il termine sons, figli, trasformando il verso in “true patriot love in all of us command“, cioè “vero amore partiottico che domina in tutti noi”.

In inglese il pronome noi, al contrario della parola figli, è rivolto a tutti i cittadini a prescindere dal genere ed è quindi ritenuto più inclusivo.

Dopo il voto, tutti i deputati presenti in aula hanno applaudito Belanger che, a causa della sua malattia incurabile, rischia di non vedere entrare in vigore la legge, una volta approvata definitivamente dal senato, fatto considerato puramente una formalità.

Anche in passato, il parlamento aveva provato a cambiare il testo sulle stesse basi. Nel 2010, il governo aveva proposto un ritorno al testo originale, ma aveva poi rinunciato alla modifica in quanto i canadesi si erano dichiarati a grande maggioranza contrari in un sondaggio.

La determinazione del primo ministro canadese Justin Trudeau sulla parità di genere ha permesso questa volta di arrivare alla storica svolta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa