Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Secondo una ong in Camerun c’è la più grave crisi di sfollati al mondo

Immagine di copertina

Secondo una ong in Camerun c’è la più grave crisi di sfollati al mondo

Camerun ong denuncia crisi sfollati più grave – In Camerun c’è la più grave crisi di sfollati al mondo e nessuno sembra curarsene.

Lo denuncia la ong norvegese Norwegian Refugee Council, che ogni anno pubblica una lista delle dieci situazioni più critiche al mondo, che non ricevono l’adeguata assistenza umanitaria.

Quest’anno al primo posto della speciale classifica, che fa riferimento al 2018, c’è proprio il Camerun, seguito da Congo, Repubblica Centrafricana, Burundi, Ucraina, Venezuela, Mali, Libia, Etiopia e Palestina.

La crisi ha avuto inizio nel 2016 con una serie di proteste pacifiche che hanno preso il via alla fine del 2016 nelle zone di lingua inglese del Camerun, ma si è acuita un anno più tardi quando è scoppiata una guerra tra gruppi armati governativi e separatisti.

La crisi ha provocato la distruzione di centinaia di villaggi, che sono stati bruciati, e l’allontanamento dai centri abitati di decine di migliaia di persone, che ora si nascondono nella boscaglia senza alcun aiuto umanitario.

Attualmente si stima che siano più di 450.000 gli sfollati, mentre 780.000 è il numero dei bambini che non frequenta la scuola.

La crisi del Paese africano è stata totalmente ignorata dai mass media e questo, di conseguenza, ha provocato la totale assenza di finanziamenti umanitari.

Secondo la ong, infatti, dei 4 milioni di persone colpite dalla crisi, almeno 1 milione e mezzo ha bisogno di assistenza.

Inoltre, il Paese deve affrontare anche altre due crisi: una al Nord, a seguito delle violenze dell’organizzazione terroristica Boko Haram, e una a Est, dove si sono recate diverse persone della Repubblica Centrafricana in cerca di protezione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce