Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Buenos Aires, allarme bomba alla Casa Rosada e alla Camera

Immagine di copertina
La Casa Rosada

Allarme bomba Buenos Aires

A Buenos Aires è scattato un allarme bomba alla Casa Rosada e in una pertinenza della Camera dei deputati. Due telefonate anonime hanno avvertito della presenza di ordigni nei due palazzi istituzionali nella tarda mattinata di lunedì 13 maggio (quando in Italia era già sera).

La pertinenza del Parlamento è stato evacuato, mentre per il palazzo presidenziale, nel quale è presente anche il presidente Mauricio Macri, non è stata disposta l’evacuazione.

“Non c’è alcuna possibilità che una bomba entri senza rilevarlo”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters un funzionario dell’ufficio del segretario generale.

Poche ore prima del doppio allarme bomba, gli agenti della sicurezza hanno arrestato un uomo che cercava di entrare nella Casa Rosada con una valigetta all’interno della quale c’era un revolver carico. L’uomo, Francisco Ariel Muniz, 36 anni, è stato arrestato.

Macri (centrodestra) è in carica dal 2015 e dovrebbe ricandidarsi alle elezioni presidenziali in programma a ottobre. I sondaggi lo danno in calo, anche a causa dell’alta inflazione che grava sull’economia argentina.

La scorsa settimana in un attacco davanti alla Camera un ex parlamentare e un suo assistente sono rimasti uccisi: secondo i media locali, all’origine dell’azione non c’era però un motivo politico, bensì personale.

Argentina, aggredito in casa il rabbino capo di Buenos Aires: attacco antisemita

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale