Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Buenos Aires, allarme bomba alla Casa Rosada e alla Camera

Immagine di copertina
La Casa Rosada

Allarme bomba Buenos Aires

A Buenos Aires è scattato un allarme bomba alla Casa Rosada e in una pertinenza della Camera dei deputati. Due telefonate anonime hanno avvertito della presenza di ordigni nei due palazzi istituzionali nella tarda mattinata di lunedì 13 maggio (quando in Italia era già sera).

La pertinenza del Parlamento è stato evacuato, mentre per il palazzo presidenziale, nel quale è presente anche il presidente Mauricio Macri, non è stata disposta l’evacuazione.

“Non c’è alcuna possibilità che una bomba entri senza rilevarlo”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters un funzionario dell’ufficio del segretario generale.

Poche ore prima del doppio allarme bomba, gli agenti della sicurezza hanno arrestato un uomo che cercava di entrare nella Casa Rosada con una valigetta all’interno della quale c’era un revolver carico. L’uomo, Francisco Ariel Muniz, 36 anni, è stato arrestato.

Macri (centrodestra) è in carica dal 2015 e dovrebbe ricandidarsi alle elezioni presidenziali in programma a ottobre. I sondaggi lo danno in calo, anche a causa dell’alta inflazione che grava sull’economia argentina.

La scorsa settimana in un attacco davanti alla Camera un ex parlamentare e un suo assistente sono rimasti uccisi: secondo i media locali, all’origine dell’azione non c’era però un motivo politico, bensì personale.

 

Argentina, aggredito in casa il rabbino capo di Buenos Aires: attacco antisemita
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Israele: Idf, sale a 240 il bilancio delle vittime militari a Gaza. Mar Rosso, Houthi annunciano attacco a petroliera Usa
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"