Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Boris Johnson festeggia la vittoria delle elezioni in una villa di lusso ai Caraibi. Ma a scrocco

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 30 Dic. 2019 alle 12:53
57
Immagine di copertina
Il premier britannico BoJo Credit: Ansa

Boris Johnson festeggia la vittoria in una villa da sogno ai Caraibi

Boris Johnson passerà il Capodanno a scrocco in una villa da favola (20mila sterline a settimana) a Mustique, nei Caraibi. L’alloggio glielo ha prestato, gratis, un rampollo della dinastia Bismarck, suo ex-compagno di studi a Oxford.

Vacanze “a scrocco”

Per il viaggio, che deve pagare di tasca sua, il premier ha scelto il low cost. Secondo il tabloid Mail on Sunday, “due biglietti in classe economica, uno per sé, l’altro per la fidanzata Carrie Symonds, su un volo della British Airways per St. Lucia, da dove poi si raggiunge Mustique in barca o con piccoli aerei privati. Il premier ha speso così soltanto 1.300 sterline, per due persone andata e ritorno, circa 1.500 euro, oltre a una scorta ridotta al minimo. Se avesse viaggiato su un aereo di Stato, con seguito più numeroso, il costo sulle finanze pubbliche sarebbe potuto arrivare a 100 mila sterline”.

Boris e la Brexit

Delle elezioni nel Regno Unito se ne è parlato soprattutto per la nettissima vittoria dei Conservatori del primo ministro Boris Johnson e per la pesante sconfitta dei Laburisti di Jeremy Corbyn.

Se la Brexit avesse un volto, sarebbe proprio quello di Boris: sornione, sfuggente, capace delle smorfie più strane, venato talvolta di annoiata noncuranza, eppure in grado di raccogliere simpatie e consensi istintivi. Boris Johnson, l’uomo politico più popolare, istrionico, incline alle gaffe e controverso dei conservatori britannici è – alla soglia dei 56 anni – l’uomo del destino del Regno Unito. Un predestinato, per quanto improbabile appaia ai detrattori, schierato a gambe larghe al centro di un autentico crocevia della storia europea.

Leader Tory dal luglio scorso, si è accomodato 5 mesi prima di queste elezioni al numero 10 di Downing Street. Con tre anni di ritardo rispetto alle attese e dopo un lungo percorso di scalate iniziate ma mai portate a compimento.

Vi è entrato con la giovane fidanzata Carrie Symonds, esperta di comunicazione politica per la quale l’anno scorso ha lasciato dopo 25 anni la moglie Marina e che negli ultimi tempi ha avuto un ruolo non piccolo al suo fianco, non solo per qualche pennellata di look.

Ma l’obiettivo è restarci almeno 5 anni, gaffe permettendo.

Leggi anche:

Elezioni Regno Unito: trionfo dei Conservatori di Boris Johnson. Brexit ormai a un passo

Chi è Boris Johnson, leader dei Conservatori

La Brexit di Boris Johnson: ecco cosa è successo, spiegato in breve, e gli scenari per il futuro

57
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.