Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Boris Johnson festeggia la vittoria delle elezioni in una villa di lusso ai Caraibi. Ma a scrocco

Immagine di copertina
Il premier britannico BoJo Credit: Ansa

Boris Johnson festeggia la vittoria in una villa da sogno ai Caraibi

Boris Johnson passerà il Capodanno a scrocco in una villa da favola (20mila sterline a settimana) a Mustique, nei Caraibi. L’alloggio glielo ha prestato, gratis, un rampollo della dinastia Bismarck, suo ex-compagno di studi a Oxford.

Vacanze “a scrocco”

Per il viaggio, che deve pagare di tasca sua, il premier ha scelto il low cost. Secondo il tabloid Mail on Sunday, “due biglietti in classe economica, uno per sé, l’altro per la fidanzata Carrie Symonds, su un volo della British Airways per St. Lucia, da dove poi si raggiunge Mustique in barca o con piccoli aerei privati. Il premier ha speso così soltanto 1.300 sterline, per due persone andata e ritorno, circa 1.500 euro, oltre a una scorta ridotta al minimo. Se avesse viaggiato su un aereo di Stato, con seguito più numeroso, il costo sulle finanze pubbliche sarebbe potuto arrivare a 100 mila sterline”.

Boris e la Brexit

Delle elezioni nel Regno Unito se ne è parlato soprattutto per la nettissima vittoria dei Conservatori del primo ministro Boris Johnson e per la pesante sconfitta dei Laburisti di Jeremy Corbyn.

Se la Brexit avesse un volto, sarebbe proprio quello di Boris: sornione, sfuggente, capace delle smorfie più strane, venato talvolta di annoiata noncuranza, eppure in grado di raccogliere simpatie e consensi istintivi. Boris Johnson, l’uomo politico più popolare, istrionico, incline alle gaffe e controverso dei conservatori britannici è – alla soglia dei 56 anni – l’uomo del destino del Regno Unito. Un predestinato, per quanto improbabile appaia ai detrattori, schierato a gambe larghe al centro di un autentico crocevia della storia europea.

Leader Tory dal luglio scorso, si è accomodato 5 mesi prima di queste elezioni al numero 10 di Downing Street. Con tre anni di ritardo rispetto alle attese e dopo un lungo percorso di scalate iniziate ma mai portate a compimento.

Vi è entrato con la giovane fidanzata Carrie Symonds, esperta di comunicazione politica per la quale l’anno scorso ha lasciato dopo 25 anni la moglie Marina e che negli ultimi tempi ha avuto un ruolo non piccolo al suo fianco, non solo per qualche pennellata di look.

Ma l’obiettivo è restarci almeno 5 anni, gaffe permettendo.

Leggi anche:
Elezioni Regno Unito: trionfo dei Conservatori di Boris Johnson. Brexit ormai a un passo
Chi è Boris Johnson, leader dei Conservatori
La Brexit di Boris Johnson: ecco cosa è successo, spiegato in breve, e gli scenari per il futuro
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: due ostaggi uccisi in un attacco aereo israeliano a Rafah. Usa sanzionano un gruppo di estrema destra in Israele. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"