Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Boris Johnson, le gaffe durante la passerella: “Non stringe la mano agli ospiti con la pelle nera” | VIDEO

Immagine di copertina

Fanno discutere le immagini del premier britannico al termine del suo discorso al congresso dei Tory a Manchester

Boris Johnson le gaffe sulla passerella: non stringe la mano ai neri

Valanga di insulti social sul premier britannico Boris Johnson. Gli utenti della rete gli hanno rivolto numerose accuse di razzismo per il comportamento che ha avuto a margine del suo discorso al congresso dei Tory a Manchester. Salutando gli ospiti, Johnson si è ben guardato, infatti, dallo stringere la mano ad alcune persone dalla pelle nera. E non è stata la sola gaffe.

A testimoniarlo è un video che è stato trasmesso in diretta su molte televisioni inglesi e sul web, scatenando appunto la bufera in Rete. Tanto che la stampa inglese ha ironizzato: “Pare che ci fossero più occhi puntati su quello che Boris Johnson ha fatto fuori dal palco piuttosto che sopra al palco”.

Assistendo alla passerella del premier, sono state centinaia le persone che hanno notato tre fatti in particolare. Il primo, quello per cui gli sono arrivate le accuse di razzismo. Boris Johnson avrebbe evitato di stringere la mano a due o più ospiti di origine africana.

Nel video si vede che Johnson stringe le mani solamente alle persone con la pelle bianca, evitando il contatto con due ospiti di pelle nera.

“Quindi – ha twittato un utente – apparentemente a Boris Johnson non piace stringere la mano ai neri. Per fortuna, in passato non ha detto nulla di compromettente o la gente potrebbe pensare che sia un razzista. Oh, aspetta…”, è la chiusura sarcastica del tweet. “Wow, è così palese!”, ha twittato un altro.

Altri utenti, invece, pur riconoscendo che il premier ha più volte rilasciato dichiarazioni di stampo razzista, non hanno trovato la scena vergognosa: Johnson non avrebbe dato la mano ai due poiché entrambi erano impegnati ad applaudirlo e non tendevano il braccio come gli altri.

“Questo è un tentativo spudorato e patetico di ritrarre Boris Johnson come un razzista. Stringe la mano a OGNI persona che gli offre la sua. I due gentiluomini neri hanno scelto di non offrire le loro mani”, twitta un sostenitore del premier.

Boris Johnson non abbraccia il padre e bacia la ministra sulle labbra

Boris Johnson non stringe le mani alle persone di pelle nera, quindi, ma la stringe invece al padre, anche se l’anziano signore aveva allargato le braccia per abbracciarlo.

In attesa sotto al palco del congresso dei Tory, accanto alla first girlfriend Carrie Symonds, Stanley Johnson ha aperto le braccia al passaggio del figlio. Ma piuttosto che abbracciare suo padre, il primo ministro britannico, preso a baciare e abbracciare la fidanzata, gli ha soltanto stretto la mano. Il disappunto del padre è apparso evidente sul suo volto.

Come se non bastasse, un terzo incidente si è verificato durante quella che si è dimostrata una passerella disastrosa per il premier britannico per via delle numerose gaffe. Giornali ed emittenti televisive hanno mostrato un frame del video in cui si vede chiaramente Boris Johnson che bacia accidentalmente la ministra Andrea Leadsom sulle labbra invece che sulla guancia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane