Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Boris Johnson accusato di fare lobbismo per Mohammed bin Salman nel calcio inglese

Immagine di copertina

Boris Johnson accusato di fare lobbismo per Mohammed bin Salman nel calcio inglese

Il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, ha chiesto al primo ministro del Regno Unito Boris Johnson di intervenire nella trattativa per l’acquisizione del Newcastle United, avvertendo il capo del governo britannico di un possibile danno alle relazioni tra i due paesi nel caso la Premier League non avesse rivisto il rifiuto iniziale dell’offerta di 300 milioni di sterline (345 milioni di euro) per la squadra calcistica.

S&D

“Ci aspettiamo che la Premier League inglese riconsideri e corregga la sua conclusione sbagliata”, ha scritto il principe della Corona saudita in un messaggio a Boris Johnson lo scorso 27 giugno, secondo quanto riportato dal Daily Mail. Secondo il quotidiano, Johnson ha chiesto a Edward Lister, inviato speciale nel Golfo, di seguire la faccenda, una richiesta a cui il diplomatico ha risposto che avrebbe “indagato”.

Lo scorso luglio un consorzio guidato dal fondo sovrano saudita, il Public Investment Fund (PIF), ha ritirato la propria offerta per l’acquisto del Newcastle, dopo aver raggiunto ad aprile 2020 un accordo con il proprietario Mike Ashley. L’intesa era stata sottoposta al vaglio della Premier League, che ha tentato di accertare l’indipendenza della cordata dal governo saudita e il controllo che quest’ultimo esercita sul PIF, di cui è presidente lo stesso Mohammed bin Salman.

La speranza dei tifosi

Il ritiro dell’offerta, a seguito di quella che la cordata ha definito una procedura “imprevedibilmente prolungata”, ha scatenato l’ira dei tifosi del club, che speravano nella possibilità di competere con altre squadre finanziate da investitori del Golfo come Manchester City e Paris Saint-Germain. La squadra dell’Inghilterra nordorientale, attualmente 17esima in classifica, ha vinto il suo ultimo campionato nel 1927.

Ad agosto Johnson ha dichiarato in una lettera a un’associazione di sostenitori del Newcastle di condividere il “disappunto” dei tifosi, auspicando che la Premier League si esprimesse sulla trattativa, che secondo quanto riportato recentemente dalla stampa britannica potrebbero riprendere.

L’acquisizione è stata contestata da diverse organizzazioni a difesa dei diritti umani, che hanno accusato l’Arabia Saudita di voler utilizzare il Newcastle United per migliorare la propria immagine macchiata dalle accuse di violazioni di diritti umani, un fenomeno noto come “sportswashing”.

Secondo un rapporto delle agenzie di intelligence statunitensi reso pubblico a febbraio, Mohammed bin Salman ha autorizzato l’omicidio del giornalista saudita dissidente Jamal Khashoggi, ucciso il 2 ottobre 2018 all’interno del consolato del suo paese a Istanbul. Da quando è diventato principe della Corona nel 2017, Mohammed bin Salman è stato accusato di aver ordinato campagne di arresti contro rivali politici e oppositori dopo aver promosso da ministro della Difesa l’intervento saudita in Yemen, che ha portato a quella che le Nazioni Unite considerano la peggiore crisi umanitaria al mondo.

Leggi anche: 1. Decapitazioni in piazza, attivisti frustati, civili bombardati: ecco l’Arabia Saudita di Renzi “culla del Rinascimento” / 2. Omicidio Khashoggi, la fidanzata Hatice Cengiz a TPI: “Pensavo che l’Occidente si sarebbe battuto, invece ho trovato reticenza” / 3. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini