Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Bambino di 10 anni morto per aver mangiato un hamburger contaminato

Il piccolo è morto dopo 8 anni di malattia causata dal batterio e-coli che si trovava nella carne acquistata da Lidl. Lo scandalo nel 2011 sconvolse la Francia

Di Marco Nepi
Pubblicato il 16 Set. 2019 alle 08:45 Aggiornato il 16 Set. 2019 alle 08:54
1
Immagine di copertina
Il piccolo Nolan Moittie morto per aver mangiato carne contaminata

Bambino morto per un hamburger contaminato

Un bambino di 10 anni è morto otto anni dopo aver mangiato la carne contaminata di un hamburger acquistato in un supermercato Lidl. Il piccolo aveva solo 2 anni quando si è ammalato. I medici riuscirono miracolosamente a salvarlo ma, dopo anni passati da disabile su una sedia a rotelle con assistenza 24 ore su 24, è morto sabato 14 settembre.

Nolan Moittie, questo il nome del bambino morto, era uno dei 15 bambini nella regione dell’Hauts-de-France ad essersi ammalato dopo aver mangiato carne contaminata con il batterio e-coli acquistata da Lidl. Lo scandalo dell’e-coli sconvolse il Nord della Francia, furono fatti controlli e fu avviata un’indagine che portò alla condanna dell’ex capo della compagnia, Guy Lamorlette.

Nolan, tra l’altro, era anche affetto anche da una grave patologia neurologica che ha peggiorato le conseguenze scatenate dal batterio.

Dopo otto anni di sofferenze, sabato Nolan si è sentito male ed è stato portato con urgenza in ospedale. I medici hanno tentato di salvarlo di nuovo, ma non hanno potuto far nulla.

È morto “per gli effetti collaterali della sua intossicazione”, ha detto l’avvocato della famiglia Moittie, Florence Rault.  “È stato un lungo calvario, perché non ha smesso di soffrire per un momento: gli arti che si deformano, le ossa che si rompono, ha dovuto subire vari interventi chirurgici, non poteva mangiare, deglutire, parlare , muoviti, perché aveva un maggiore coordinamento”, ha spiegato Rault.

Il bambino morto dopo aver mangiato un hamburger contaminato aveva sviluppato anche il diabete. Malattia che era alimentata dal catetere per l’assunzione di medicine più volte al giorno. Per questo era costretto a lunghi e regolari ricoveri in ospedale. “Il suo corpo alla fine ha rinunciato”, ha concluso l’avvocato, parlando con il quotidiano francese Le Monde.

L’inchiesta sul responsabile delle forniture Lidl

A febbraio Guy Lamorlette, 78 anni, il responsabile del fornitore di Lidl implicato nello scandalo alimentare, è stato condannato a tre anni di carcere e a una multa di 50 mila euro. Dopo la sua condanna in appello, il legale difensore ha annunciato il ricorso.

“I genitori di Nolan sperano che un giorno arriveranno a meritare decenza e compassione”. E che il signor Lamorlette “affronterà finalmente le sue responsabilità”, ha detto Florence Rault. Al momento “non ha pagato alcun danno” alla famiglia di Nolan, ha spiegato l’avvocato, aggiungendo che “i genitori di Nolan sono disperati e in totale miseria”.

“Avevano molti debiti per sostenere Nolan e non avevano nemmeno i soldi per le spese funebri”, ha rivelato l’avvocato della famiglia.

> Bambino morto di otite per i consigli dell’omeopata: “Non serve l’antibiotico, date la camomilla”

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.