Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Russia, babysitter tortura il figlio di 18 mesi della migliore amica e diffonde le foto delle violenze

Immagine di copertina
Gulmira Lukyanova e il piccolo Maksim Pisarev

Russia, torturava il figlio della sua migliore amica

Legava e picchiava il figlio della sua migliore amica mentre gli faceva da babysitter e poi diffondeva le foto che mostravano le ferite delle torture. Gulmira Lukyanova, 25 anni, avrebbe regolarmente torturato Maksim Pisarev, 18 mesi. La vicenda è avvenuta a Koyanbay, nella Russia centro-meridionale. La giovane avrebbe regolarmente torturato il piccolo di un anno e mezzo mentre la madre era al lavoro.

Le immagini scattate da Gulmira Lukyanova mostrano il bambino steso sul pavimento con le mani e le gambe legate e il viso coperto di lividi. Secondo le prime ricostruzioni, la donna avrebbe dovuto fare da babysitter a Maksim mentre sua madre era al lavoro. Pare che invece la 25enne trattasse il figlio della migliore amica “come un prigioniero”.

Per spiegare i numerosi lividi sul viso e sul corpo del bambino, la donna inventava ogni volta una scusa diversa per la madre del piccolo, la 20enne Yevgeniya Kabelskaya. “Gulmira era la mia migliore amica e mi fidavo di lei“, ha detto Kabelskaya ai media locali. Il calvario di Maksim è durato diversi mesi prima che sua madre iniziasse a insospettirsi.

“Una volta sono tornata dal lavoro e ho visto un livido sulla guancia sinistra di Maksim”, ha detto. “Gulmira ha detto che era caduto. Non le credevo e ho denunciato il fatto alla polizia“, spiega la madre del bambino. Lukyanova, madre di tre figli, incinta del quarto, avrebbe confessato di aver legato Maksim. È accusata di aver torturato un minore. Ora la donna si trova agli arresti domiciliari e rischia fino a sette anni di carcere se condannata.

La baby sitter avrebbe legato il bimbo di modo che “non la disturbasse” lasciandolo senza cibo e acqua per tutto il giorno. Durante un’indagine, la polizia ha ricevuto una soffiata dal fratello di Lukyanova dopo che lei gli aveva inviato le foto del bambino con il volto tumefatto.

Leggi anche: 1. Usa: madre tortura il figlio di 3 anni e gli taglia i genitali con delle pinze; // 2. Usa, bambino di 4 anni violentato, torturato e ucciso dal padre: “Si era sporcato i pantaloncini”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”