Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Un’autobomba è esplosa all’ingresso dell’ambasciata cinese in Kirghizistan

L'attentatore è rimasto ucciso e tre funzionari dell'ambasciata sono rimasti feriti.

Di TPI
Pubblicato il 30 Ago. 2016 alle 09:38 Aggiornato il 9 Set. 2019 alle 19:18
0
Immagine di copertina

Un’autobomba guidata da un kamikaze è esplosa all’ingresso dell’ambasciata cinese nella capitale del Kirghizistan, Bishkek. 

L’attentatore è morto e tre dipendenti dell’ambasciata, tutti cittadini del Kirghizistan, sono rimasti feriti. Nessun cittadino cinese è rimasto coinvolto.  

“Come risultato dell’esplosione, solo l’attentatore terrorista suicida è morto. Le guardie di sicurezza sono state ferite”, ha detto Zhenish Razakov, vice primo ministro. 

I dipendenti dell’ambasciata cinese e il personale presso l’ambasciata americana vicina sono stati evacuati.

Il ministero degli Esteri cinese ha condannato l’attentato definendolo “un attacco estremo e violento”.

La Cina ha inoltre invitato le autorità kirghise ad “andare a fondo nella vicenda”, ha riferito la portavoce del ministero Hua Chunying in una conferenza a Pechino.

Nessuna organizzazione ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.