Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Toronto | “Uccidimi, ho una pistola”: l’attentatore minaccia il poliziotto | Video

Immagine di copertina

Un filmato mostra i momenti immediatamente successivi alla strage lungo Yonge Street

Toronto attentato | Video

“Uccidimi, ho una pistola”. Alek Minassian, il 25enne autore dell’attentato di Toronto, minaccia così un agente della polizia che lo bracca dopo la strage. Un video ripreso con uno smartphone mostra la scena.

Sono passati pochi minuti da quando il furgone guidato dallo studente canadese di origini armene si è lanciato contro i passanti lungo Yonge Street: il bilancio è di 10 morti e 15 feriti.

Il veicolo ha corso lungo il marciapiede per circa due chilometri, prima di essere fermato e circondato dalla polizia.

L’uomo è costretto a scendere, ma brandisce quella che sembra una pistola e urla: “Uccidetemi”.

Si trova faccia a faccia con il poliziotto, gli punta contro l’arma. L’agente a sua volta gli punta contro una pistola.

Si sentono urla lontane. L’attentatore urla: “Uccidimi, ho una pistola”.

L’agente risponde: “Non mi interessa”.

Minassian, in stato di evidente alterazione, insiste: “Sparami alla testa”.

Il poliziotto mantiene il sangue freddo e non si fa prendere dalla tensione del momento. Mantiene l’arma puntata contro l’uomo, ma non spara. E in pochi secondi lo avvicina e lo avvinghia, buttandolo a terra e ammanettandolo.

L’autore della strage viene arrestato senza che sia sparato nessun colpo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Israele, Il ministro della Difesa Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Cpi". Iran: le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Israele, Il ministro della Difesa Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Cpi". Iran: le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore