Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un’app vuole porre fine alle mutilazioni genitali femminili

Immagine di copertina

Cinque ragazze provenienti dal Kenya si sono recate in California con un obiettivo: porre fine alle mutilazioni genitali femminili nel loro paese. Per farlo hanno deciso di prendere parte nella Silicon Valley a una competizione, Technovation Challenge, in cui vengono presentate app che affrontano problemi delle donne di tutto il mondo.

In questa occasione, le cinque ragazze hanno presentato i-Cut, attraverso la quale vengono fornite in tempi brevi assistenza medica e legale a tutte le ragazze vittime di mutilazioni genitali femminili.

In Kenya, per quanto questa pratica sia illegale, è ancora molto praticata in maniera sia parziale che totale ed è vista da numerose famiglie come un rito di passaggio e un requisito necessario per potersi sposare.

Attraverso l’app, se una ragazza si trovasse di fronte al rischio concreto di subire una mutilazione genitale femminile, può allertare le autorità in modo da prevenire il fatto.

Stacy Owino, una delle ragazze che ha realizzato l’app, ha riferito all’agenzia Reuters che pensa che le mutilazioni genitali femminili siano un problema ancora molto diffuso in tutto il mondo, e che il suo obiettivo è che venga risolto definitivamente.

Le cinque ragazze sono state l’unico gruppo formato esclusivamente da africani che prenderà parte all’edizione del 2017 del Technovation Challenge, evento sponsorizzato da Google, Verizon e dalle Nazioni Unite. Il progetto vincitore otterrà un finanziamento di 15mila dollari.

Secondo i dati forniti dall’Unicef, circa 200milioni di donne in tutto il mondo hanno subito mutilazioni genitali femminili. In Kenya a subirne sono state circa una donna su quattro. Oltre ai danni per la salute, questa procedura si porta dietro anche altri problemi: la maggior parte delle donne che subisce queste pratiche, ad esempio, in genere non finisce la scuola e successivamente non entra nel mondo del lavoro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”