Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ad Aleppo sono ricominciate le operazioni di evacuazione di civili e ribelli

Immagine di copertina

Nella giornata di ieri, 18 dicembre, almeno 350 persone hanno lasciato la città, diretti in altre zone del paese controllate dai ribelli

Ad Aleppo est sono riprese le evacuazioni con autobus e ambulanze per portare i civili e i ribelli fuori dalla città. Nella giornata di ieri, 18 dicembre, almeno 350 persone hanno lasciato la città, diretti in altre zone del paese controllate dai ribelli. Nei giorni precedenti alcuni autobus governativi sono stati dati alle fiamme, interrompendo momentaneamente l’evacuazione. 

Tra i bambini evacuati, c’è anche Bana Alabed, la bambina nota per la sua costante testimonianza tramite Twitter delle condizioni ad Aleppo est. 

Altre migliaia di persone sono in attesa di lasciare Aleppo, che è in condizioni disastrose, con scarsità di cibo, acqua e strutture mediche.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha riferito di aver raggiunto un compromesso per consentire alle Nazioni Unite di monitorare le operazioni di evacuazione.

Cinque degli autobus che trasportano gli sfollati sono arrivati ​​a Khan al-Assal, sotto il controllo dei ribelli.

Per permettere la prosecuzione dell’evacuazione, le forze pro-governative hanno chiesto in cambio che i civili residenti nei villaggi a prevalenza sciita di Foah e Kefraya nella provincia di Idlib, assediata dai ribelli, possano lasciare l’area. 

Responsabili degli incendi ai bus sono stati i ribelli di Jabhat Fateh al-Sham, in passato legati ad al-Qaeda. L’atto è stato condannato dal Free Syrian Army, una fazione ribelle più moderata, che lo ha definito “sconsiderato” per aver messo in pericolo la vita di migliaia di persone intrappolate ad Aleppo est. 

Secondo l’Unicef, tra le persone in attesa di lasciare la città, ci sono bambini malati e feriti. Alcuni minori sono stati costretti a lasciare la città senza i loro genitori. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo