Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migranti, la nave Alan Kurdi entra in acque italiane

Immagine di copertina

Lo annuncia la Sea Eye, la ong che guida la nave che da 7 giorni è in mare senza aver ricevuto indicazioni per poter sbarcare gli 88 migranti soccorsi al largo delle coste libiche

Migranti, la nave Alan Kurdi di Sea Eye entra in acque italiane

La nave Alan Kurdi entra in acque italiane: “Proprio ora siamo entrati in acque territoriali italiane per cercare riparo dal vento e dalle onde”.

Lo annuncia la Sea Eye, la ong della nave Alan Kurdi che da 7 giorni è in mare senza aver ricevuto indicazioni per poter sbarcare gli 88 migranti soccorsi al largo delle coste libiche.

“Nonostante la soluzione diplomatica per le restanti 88 persone salvate a bordo della Alan Kurdi – continua il tweet -, non ci è stato ancora assegnato un porto sicuro. Un altro capitolo buio per la fortezza Europa”.

All’alba di oggi è stata evacuata una giovane migrante di vent’anni. Lo riferisce la ong, spiegando che la ragazza è stata portata a terra per motivi sanitari dalla Guardia costiera italiana. Domenica scorsa era stata evacuata una donna incinta.

La nave era riuscita indenne dallo scontro con le milizie libiche che sabato 26 ottobre avevano sparato in aria e in mare per intimidire i soccorritori.

Secondo il racconto di uno dei responsabili della nave Alan Kurdi, Gorden Isler, un motoscafo con tre motori fuoribordo, la bandiera libica a poppa e una mitraglietta a prua si è avvicinato ai due piccoli gommoni della Ong tedesca impegnati nel soccorso di 90 migranti e ha aperto il fuoco sparando prima verso il cielo ma poi anche in acqua.

La Sea Eye ha pubblicato su Twitter il video dell’episodio, dopo che la guardia costiera libica in un comunicato ha negato di aver sparato verso la barca della Ong: “Le nostre pattuglie non hanno né intercettato né minacciato o bombardato la barca di un’organizzazione non governativa”, hanno fatto sapere i guardacoste libici.

Nel filmato condiviso dall’Ong si vede il motoscafo battente bandiera libica con a bordo circa cinque persone, di cui una posizionata a prua accanto alla mitraglietta, inserirsi tra i due gommoni di Sea Eye che avevano già salvato i migranti e la più grande nave Alan Kurdi, verso cui le imbarcazioni si stavano dirigendo. Lo staff della Ong ha raccontato che era stato il sistema di segnalazione delle emergenze in mare Alarm Phone a comunicare l’esistenza di un’imbarcazione di migranti in difficoltà in acque internazionali.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / La Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Esteri / La variante Delta spaventa il mondo. Contagiosità, efficacia dei vaccini: cosa sappiamo