Coronavirus:
positivi 13.303
deceduti 34.945
guariti 194.579

Coronavirus, in Afghanistan un team di sole ragazze produce ventilatori con pezzi di auto usati

Di Angelica Pansa
Pubblicato il 1 Giu. 2020 alle 17:02 Aggiornato il 1 Giu. 2020 alle 17:05
4.4k
Immagine di copertina
Afghanistan, il team di Afghan Dreamers al lavoro

Coronavirus, in Afghanistan un team di sole ragazze produce ventilatori con pezzi di auto usati

In Afghanistan una squadra fatta di sole ragazze, impegnate in un team di robotica, sta realizzando dei ventilatori polmonari utilizzando parti di automobili.  Il team ha partecipato a numerose competizioni internazionali di robotica. Oggi la squadra di ragazze è impegnata in questo importante progetto, che non è solo sanitario: “ci impegniamo affinché la società possa credere nelle abilità delle donne”.  (Ne abbiamo parlato anche sul nostro profilo Instagram @tpi).

L’Afghanistan oggi ha un grande bisogno di ventilatori per curare i pazienti Covid. Per questo un’équipe di adolescenti afghane si è fatta avanti per costruire ventilatori con parti di auto usate. Le ragazze sono membri di un team di robotica fatto di sole ragazze, chiamato Afghan Dreamers. Se il nome non vi è nuovo è perché non è la prima volta che le Afghan Dreamers attirano l’attenzione. Già nel 2017 infatti, erano arrivate all’attenzione dei media quando gli Stati Uniti avevano negato ai membri del team i visti per partecipare alla FIRST Global Challenge, una competizione di robotica organizzata da FIRST, un programma di formazione internazionale con team in 191 Paesi e una stagione annuale di eventi. Alla fine era intervenuta direttamente la Casa Bianca, e le ragazze sono arrivate alla competizione, dove hanno vinto una medaglia per il coraggio.

Da allora, la squadra ha continuato a ispirare la sua nazione e il mondo, partecipando a competizioni di robotica in Estonia, Polonia e Canada e collaborando con il governo dell’Afghanistan per costruire la prima STEAM school del Paese, un metodo di apprendimento interdisciplinare sviluppato negli Stati Uniti che ha l’obiettivo di avvicinare gli studenti di ogni provenienza sociale alle discipline matematiche e scientifiche.

Con la sospensione della stagione di robotica FIRST del 2020, le ragazze stanno ora lavorando per aiutare nell’epidemia di Coronavirus del loro Paese. Naturalmente, non è un compito facile. L’isolamento dell’Afghanistan richiede permessi speciali per viaggiare e i negozi per procurarsi i ricambi sono chiusi. Proprio per questo motivo il team ha deciso di utilizzare ricambi per auto, che sono più facilmente reperibili nel Paese, dice l’imprenditore afghano Roya Mahboob.

Una volta pronti, i ventilatori dovranno essere sottoposti a test e approvazione ufficiale. In un Paese in cui le ragazze hanno lottato per ricevere un’istruzione e hanno lottato per avere delle opportunità, i risultati di questo team stanno mettendo a dura prova la percezione che le donne hanno avuto per lungo tempo di se stesse. “Il lavoro delle Afghan Dreamers ha aiutato la comunità a credere nelle capacità delle donne”, dice Mahboob. “Guardando queste giovani adolescenti, nasce in me la speranza che in Afghanistan stiamo andando nella giusta direzione“.

Leggi anche: 1. Quante persone sono morte nella storia perché colpite da un meteorite? /2. Hai fatto sogni strani in quarantena? Sei in buona compagnia

4.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.