Hai fatto sogni strani in quarantena? Sei in buona compagnia

Di Angelica Pansa
Pubblicato il 14 Mag. 2020 alle 11:42 Aggiornato il 14 Mag. 2020 alle 14:10
640
Immagine di copertina
Credit: Instagram/ TPI

Coronavirus, perché i sogni che facciamo in quarantena sono così strani?

Hai fatto sogni strani, bizzarri, molto vividi e facili da ricordare in questa quarantena? Non sei solo: il fenomeno dei “sogni assurdi” durante il lockdown è già oggetto di studio. (Ne abbiamo parlato anche sul nostro profilo Instagram @tpi)

Alcuni importanti centri di neuroscienze come il Dream Research Institute di Londra, Harvard University e il Lyon Neuroscience Research Centre in Francia, stanno raccogliendo informazioni su come è cambiato il modo di sognare durante la pandemia del Coronavirus.

Ogni notte il nostro corpo passa attraverso diverse fasi del sonno. La maggior parte dei sogni avviene durante la cosiddetta fase REM (Rapid Eye Movement), in cui entriamo circa 90 minuti dopo esserci addormentati. Qui i sogni risultano più vividi e spesso legati alle nostre emozioni della giornata.

Visualizza questo post su Instagram

Hai fatto sogni strani, bizzarri, molto vividi e facili da ricordare? Non sei solo: il fenomeno dei “sogni assurdi” durante il lockdown è già oggetto di studio. Alcuni importanti centri di neuroscienze come il Dream Research Institute di Londra, Harvard University e il Lyon Neuroscience Research Centre in Francia, stanno raccogliendo informazioni su come è cambiato il modo di sognare durante la pandemia. Ogni notte il nostro corpo passa attraverso diverse fasi del sonno. La maggior parte dei sogni avviene durante la cosiddetta fase REM (Rapid Eye Movement), in cui entriamo circa 90 minuti dopo esserci addormentati. Qui i sogni risultano più vividi e spesso legati alle nostre emozioni della giornata. Ma se nella vita quotidiana non succede praticamente niente, perché così tante persone dicono di fare sogni assurdi? La risposta che danno gli scienziati è: lo stress. Alti livelli di stress agiscono sul cervello in modo simile a quello delle droghe psichedeliche, attivando uno specifico recettore nervoso chiamato 5-HT2A che a sua volta spegne l’attività della corteccia prefrontale, la parte razionale del cervello. Di conseguenza avviene la cosiddetta disinibizione delle emozioni (in questo caso negative): le paure e le ansie invadono la coscienza e, soprattutto nella fase Rem del sonno, che è quella più leggera, prendono le forme più stravaganti. Quindi non preoccupatevi: siete in buona compagnia. #Sogni #Psicologia #quarantena #Covid19Italia #Scienza #sogno

Un post condiviso da TPI (@tpi) in data:

Ma se nella vita quotidiana non succede praticamente niente, perché così tante persone dicono di fare sogni assurdi? La risposta che danno gli scienziati è: lo stress. Alti livelli di stress agiscono sul cervello in modo simile a quello delle droghe psichedeliche, attivando uno specifico recettore nervoso chiamato 5-HT2A che a sua volta spegne l’attività della corteccia prefrontale, la parte razionale del cervello.

Di conseguenza avviene la cosiddetta disinibizione delle emozioni (in questo caso negative): le paure e le ansie invadono la coscienza e, soprattutto nella fase Rem del sonno, che è quella più leggera, prendono le forme più stravaganti. Quindi non preoccupatevi: siete in buona compagnia.

Leggi anche: 1. L’interpretazione dei cinque sogni più comuni / 2. Maturità, ecco perché sognare l’esame ci terrorizza a distanza di anni

640
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.