Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Europei e americani sono ancora invasori che vogliono sottometterci”: parla a TPI l’eminenza grigia dei talebani

Immagine di copertina
Sayid Akbar Agha

Sayid Akbar Agha è un anziano mujaheddin, originario di Kandahar. Fratello d’armi del Mullah Omar nella guerra contro l’Urss negli anni Ottanta, rimane al suo fianco combattendo fra le file del movimento talebano durante la guerra civile che porta alla fondazione del primo Emirato nel 1996. Con il leader talebano c’è un legame profondo, sancito dal matrimonio tra i rispettivi figli. Riprende le armi contro gli Stati Uniti nel 2001 fino a quando viene arrestato in Pakistan nel 2004. Graziato da Karzai nel 2014, rinuncia alle armi per dedicarsi alla preghiera. È una delle personalità più influenti del mondo talebano, a cui i membri del governo ancora oggi si rivolgono. Lo incontriamo nel cortile della sua fondazione dove distribuisce farina, riso e olio alle famiglie indigente.

Cosa pensa di questo primo anno di governo dei talebani?

“Il primo e più importante successo dell’Emirato islamico è stato l’espulsione degli stranieri dall’Afghanistan perché l’obiettivo del nostro jihad era porre fine all’occupazione. Il secondo è stato deporre il governo che era a favore dell’occupazione degli stranieri. Un altro successo ancora riguarda la sicurezza, che nel precedente governo ha raggiunto il punto più basso”.

Come giudica la condizione di crisi economica e povertà in cui versa il Paese?

“Il problema della povertà non è causato dall’Emirato Islamico. I responsabili sono gli stranieri, per diversi motivi. Il primo è che hanno bloccato i soldi dell’Afghanistan. Il secondo è che si rifiutano di riconoscere il nostro governo, un fatto che genera sfiducia in chi volesse investire in Afghanistan”.

Vede delle differenze fra il primo governo talebano e quello di oggi?

“I talebani sono gli stessi di vent’anni fa, non ci sono differenze. Naturalmente ci sono stati dei cambiamenti nella vita di tutti: siamo nell’era della tecnologia e la società afghana è diversa. I talebani sono nati negli anni Novanta ma oggi sono sempre gli stessi, è cambiato solo il contesto”.

Cosa pensa dell’operato degli Stati Uniti e della comunità internazionale nei vent’anni di presenza nel Paese?

“In Afghanistan c’è stata un’occupazione. Gli stranieri non sono venuti per aiutare ma solo per imporre il loro dominio. Sono venuti con il pretesto di distruggere i terroristi ma questa è una bugia. Tutte le persone che sono morte in questi anni erano afghani che non c’entravano nulla con il terrorismo. Dicevano poi che avrebbero portato la democrazia in Afghanistan. Il popolo afghano ha questa immagine della democrazia: guerra, furto, corruzione, concussione. Noi vediamo ancora gli europei e gli americani come invasori, il cui obiettivo è solo sottomettere il popolo afghano”.

Leggi anche: Crisi e oscurantismo: ecco come si vive in Afghanistan a un anno dal ritorno dei talebani

Ti potrebbe interessare
Esteri / Giorgia Meloni arriva Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina
Esteri / Elena Basile a TPI: “La tregua in Ucraina è ancora possibile”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Giorgia Meloni arriva Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina
Esteri / Elena Basile a TPI: “La tregua in Ucraina è ancora possibile”
Esteri / L’ora della diplomazia in Ucraina, l’ex ambasciatore Francesco Bascone a TPI: “Dobbiamo tornare a trattare”
Esteri / Il tempo dell’insicurezza: dall’Ucraina a Gaza ormai a prevalere è la legge del più forte
Esteri / Hamas chiede il rilascio di 3.000 detenuti palestinesi. Gaza, media: 23 morti in un raid di Israele sulla casa dell'attore Zuaiter
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Esteri / È nata un’app di incontri riservata a persone molto benestanti: come funziona “Score”