Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Afghanistan, Biden: “È finita la guerra più lunga della nostra storia”. I talebani lavorano al nuovo governo: donne escluse da ruoli apicali

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

AFGHANISTAN NEWS: GLI STATI UNITI LASCIANO IL PAESE | ULTIME NOTIZIE 1 SETTEMBRE 2021

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente lasciato l’Afghanistan, ponendo fine alla loro presenza militare dopo vent’anni di guerra, costata la vita a 2461 militari e civili americani. A dare l’annuncio ufficiale, il generale Kenneth McKenzie, responsabile delle truppe statunitensi nel Paese, con un giorno di anticipo rispetto alla data stabilita, ovvero il 31 agosto 2021. L’evacuazione infatti è stata completata il 30. “Abbiamo fatto la storia” ha detto un comandante talebano al decollo dell’ultimo C-17.

Il prezzo della massiccia operazione, organizzata dopo che i talebani hanno ripreso il controllo dell’Afghanistan prima di quanto l’intelligence statunitense avesse previsto – e di quanto gli stessi studenti coranici avessero dichiarato – è stato altissimo: almeno 13 i militari americani sono morti nell’attentato compiuto dall’Isis-K giovedì 26 agosto all’aeroporto di Kabul, in cui centinaia di civili hanno perso la vita. Sabato un drone lanciato dagli Usa ha ucciso un terrorista dell’Isis nella provincia di Nangarhar. Secondo l’esercito statunitense si è trattato di uno dei pianificatori dell’attentato.

“Ci difenderemo dagli scenari peggiori”, ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby. Con la minaccia terroristica ancora attiva nel Paese, Gli Stati Uniti non possono ancora dire di aver salutato l’Afghanistan per sempre.

AFGHANISTAN, LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA

Ore 16.00 – I talebani escludono la presenza di donne nel nuovo esecutivo – Il vice capo dell’ufficio politico dei Talebani in Qatar ha dichiarato alla Cnn di ritenere improbabile l’ipotesi che le donne facciano parte del nuovo governo, anche se certamente non avranno “ruoli apicali”: “Potranno continuare a lavorare” e ad occupare “posti minori” nel governo, ma “potrebbero non esserci dei ruoli di primo piano”, ha spiegato. Parlando dei colloqui in corso a Kandahar per la formazione del nuovo esecutivo, il portavoce dei Talebani Zabihullah Mujahid ha dichiarato al China Global Television Network – il canale in lingua inglese della tv di Stato cinese – che il nuovo governo “senza alcun dubbio sarà un governo islamico”. Secondo la Cnn, che cita proprie fonti, il modello istituzionale ricalcherà quello vigente in Iran, con un leader supremo a capo di un Consiglio supremo che potrà dettare la linea politica, annullare le leggi e rimuovere il capo del governo. Il ruolo spetterà probabilmente all’Amir al-muminin dei Talebani Hibatullah Akhundzada, a capo del movimento dal 2016, che finora non ha mai fatto un’apparizione pubblica. (Qui la notizia completa)

Ore 10,00 – Pentagono: “Mai abbandonati cani militari in Afghanistan” – Il Pentagono smentisce la notizia secondo cui i cani utilizzati dai militari statunitensi siano stati abbandonati in Afghanistan. “Contrariamente a informazioni inesatte, l’esercito americano non ha lasciato cani in gabbia all’aeroporto internazionale Hamid Karzai” ha dichiarato John Kirby, portavoce del Pentagono.

Ore 9,00 – Johansson: “No aiuti a talebani se non rispettano diritti” – L’Unione europea “esercita pressioni sui talebani. Abbiamo congelato gli aiuti allo sviluppo e questo non cambierà finché il nuovo regime non rispetterà i diritti fondamentali e delle donne”. Lo ha detto il commissario Ue all’interno, Ylva Johansson. Questa è una “sorta di sanzione” ha aggiunto, spiegando che “vedremo se far arrivare gli aiuti in un altro modo”.

Ore 8,00 – Papa cita Merkel: “Basta guerre in nome della democrazia” – “Bisogna porre fine alla politica irresponsabile di intervenire dall’esterno e costruire la democrazia in altri Paesi, ignorando le tradizioni dei popoli”: lo ha dichiarato Papa Francesco nel corso di un’intervista alla radio spagnola Cope, utilizzando le parole della cancelliera tedesca Angela Merkel per commentare la situazione in Afghanistan.

Ore 07.00 – Biden: “È finita la guerra più lunga della nostra storia” – Con il ritiro degli ultimi militari Usa dall’Afghanistan “è finita la guerra più lunga della nostra storia, 20 anni”, ha detto il presidente Joe Biden, in un nuovo intervento sulla crisi afghana. “L’operazione di  evacuazione da Kabul è stata uno straordinario successo”, ha aggiunto, definendola “una missione di compassione”. “Mi prendo la responsabilità per tutte le decisioni prese”, ha affermato, “il mio fondamentale obbligo da presidente è difendere l’America non da minacce del 2001, ma da quelle di oggi e di domani.  “Con voi non abbiamo finito”, ha detto rivolgendosi all’Isis-K, che ha rivendicato quell’attacco.  “Dovete saperlo, non ci fermeremo mai, vi daremo la caccia fino alla fine del mondo e pagherete il prezzo più alto”.

“Siamo andati lì per al Qaeda… abbiamo ucciso bin Laden dieci anni fa e decimato al Qaeda. Era il momento di finire questa guerra. Questo è un mondo nuovo dove il rischio terroristico è ‘metastatizzato'”. “Devo difendere l’America – ha concluso — non dalle minacce del 2001 ma da quelle di oggi e di domani”. Tra queste gli attacchi hacker e e le sfide rappresentate da Cina e Russia che “non vogliono altro che vederci impantanati per un altro decennio in Afghanistan”.

Ore 06.30 – Di Maio, corridoi umanitari da Paesi terzi – Noi sosteniamo i corridoi umanitari” – ha affermato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo in streaming al Festival dell’Unità di Firenze – ma “una cosa non possiamo fare, non possiamo pensare a corridoi umanitari direttamente dall’Afghanistan, perché significherebbe dare le liste direttamente ai talebani, dobbiamo farlo attraverso i Paesi terzi e le Ong”.

LEGGI ANCHE: La verità scomoda sull’Afghanistan che nessuno ha il coraggio di dirvi

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”