Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Nel mondo oltre 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile

Immagine di copertina
Entro il 2050 la popolazione mondiale la domanda globale di acqua potrebbe essere superiore del 30 per cento rispetto a oggi

A Città del Capo, in Sudafrica, la popolazione presto potrebbe rimanere senza acqua. Ecco alcuni dati

Nel mondo ci sono 2,1 miliardi di persone che non hanno accesso a servizi di acqua potabile gestiti in sicurezza. Entro il 2050, la popolazione mondiale sarà cresciuta di circa 2 miliardi di persone e la domanda globale di acqua potrebbe essere superiore del 30 per cento rispetto a oggi.

L’acqua contaminata può trasmettere malattie come la diarrea, il colera, la dissenteria, il tifo e la polio ed è responsabile di almeno 502mila morti per diarrea ogni anno. Secondo Amref, ong per la tutela della salute in Africa, con misure adeguate, si potrebbe evitare ogni anno la morte di 361mila bambini al di sotto dei 5 anni di età. 

A Città del Capo, capitale del Sudafrica, presto potrebbe non esserci più acqua, come fa notare Amref in occasione della Giornata mondiale dell’Acqua, il 22 marzo 2018.

 “Attualmente la situazione rimane difficile”, osserva Vusi Ntuli, responsabile dell’area programmi di Amref in Sudafrica. “La pressione dell’acqua dalle dighe è stata ridotta, così da centellinare quella che arriva alle persone. Il Comune trasporta l’acqua nelle comunità, la fa confluire in cisterne e le persone possono raccoglierla con contenitori grandi dai 5 ai 20 litri”.

“La vita della popolazione è completamente stravolta”, racconta Ntuli, sottolineando che “moltissime persone non hanno accesso ai pozzi, specialmente la popolazione nera, la maggioranza, che tutt’oggi resta la fetta di popolazione più povera”.

Tra le cause all’origine di questa situazione, il responsabile Amref ricorda che il Sudafrica “non è un paese piovoso” ma rimarca anche che “durante la stagione delle piogge, non c’è alcun piano, alcuna iniziativa, volta a conservare l’acqua piovana per utilizzi futuri”.

Un altro problema riguarda le abitudini delle persone: un utilizzo improprio della risorsa idrica non è punito dalla legge e chi ha accesso gratuito all’acqua non ha cura di conservarla per utilizzi futuri”.

“Molte comunità e famiglie non hanno a disposizione cisterne per la raccolta dell’acqua piovana, che possa ammortizzare gli effetti della siccità, quando questa si abbatte sul Paese. Moltissime persone non hanno neanche accesso a pozzi, specialmente la popolazione nera, la maggioranza, che tutt’oggi è la fetta di popolazione più povera”, spiega Ntuli. 

“Il rischio che stiamo affrontando in Sudafrica è emblematico di quello che potrà accadere in Africa”, dice il responsabile Amref.

Il paese combatte contro la carenza di acqua, il mancato accesso a fonti idriche sicure e a servizi igienico sanitari, perché l’esito di questa battaglia è una chiave di volta fondamentale per garantire la lotta alle malattie, lo sviluppo e l’autodeterminazione delle popolazioni più svantaggiate.

Secondo le stime globali Unesco, entro il 2050, tra i 150 e i 200 milioni di persone saranno sfollati a causa di siccità, inondazioni e uragani. 

Inoltre, si calcola che 263 milioni di persone trascorrono 30 minuti al giorno per andare a raccogliere l’acqua da strutture idriche sicure. La maggioranza di esse sono donne: la mancanza di acqua potabile e di servizi igienico-sanitari infatti ha un impatto negativo soprattutto sulla salute e lo sviluppo delle ragazze, spesso responsabili dell’approvvigionamento idrico domestico.

Le donne camminano per lunghe distanze trasportando pesanti secchi, pieni della preziosa risorsa. Questo le espone a rischi quotidiani, tra cui rapimenti e stupri (e conseguenti matrimoni forzati), nonché ad aborti spontanei o attacchi di animali selvaggi.

Oltre a ciò, questa attività toglie loro tempo prezioso che potrebbero impiegare nell’istruzione, o per occuparsi dei loro figli e impegnarsi in attività produttive. 

I paesi del mondo dove l’acqua del rubinetto è potabile

Il 90 per cento dell’acqua in bottiglia contiene tracce di plastica

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo