Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Quel teologo del Vaticano ha abusato di me in confessionale”: la denuncia shock di una suora

Immagine di copertina

Si è dimesso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede dopo che una suora lo ha accusato di averla molestata in confessionale.

Padre Hermann Geissler, dopo 25 anni di servizio in Vaticano, ha preferito fare un passo indietro pur dichiarandosi innocente rispetto alle accuse mosse da Doris Wagner, una ex suora tedesca.

I fatti risalirebbero al 2009. Wagner, che appartiene alla Opus spiritualis Familia, la stessa comunità religiosa di padre Geissler, si trovava a Roma per un evento che, ironia della sorta, riguardava proprio le donne vittime di abusi nel clero.

In quell’occasione, secondo la sua ricostruzione, padre Geissler l’avrebbe abusato di lei durante una confessione, tentando di baciarla e di toccarla.

“Mi ha detto quanto mi amava, che sapeva che anch’io gli volevo bene e che, anche se non avevamo il diritto di sposarci, c’erano altri modi per stare insieme – ha riferito la suora –  Poi ha cercato di trattenermi e baciarmi, ma sono fuggita dal confessionale”.

Il 54enne teologo austriaco, al momento, deve quindi rispondere alle accuse di abusi, violenza e manipolazione.

È stato lui stesso a decidere di dimettersi per “limitare il danno già arrecato alla Congregazione e alla sua Comunità”.

La richiesta di dimissioni è stata inoltrata da Geissler al prefetto dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Luis Francisco Ladaria Ferrer.

Il Vaticano riferisce comunque che il teologo austriaco “ribadisce che l’accusa contro di lui non è vera e chiede che sia continuato il processo canonico già iniziato, riservandosi anche eventuali misure di natura legale”.

Wagner ha dichiarato di aver riportato i fatti alla Congregazione nel 2014, e di aver avuto una risposta in cui si affermava che Geissler aveva ammesso le sue colpe ed era stato ammonito.

Come riporta Vatican Insider, “si tratterebbe di un caso di ‘Sollicitatio ad turpia’, l’abuso da parte di un prete del sacramento della penitenza per sollecitare, adescare o coinvolgere i suoi penitenti in discorsi o atti sessuali. Ovvero uno dei cosiddetti delicta graviora per la Chiesa cattolica, per cui la confessione è occasione sacra per i fedeli per ottenere il perdono dei peccati”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar
Esteri / Usa, genitori 24enni partono per New York e lasciano il figlio di 2 anni a casa da solo
Esteri / “Macron indagato per finanziamento illecito”: la rivelazione del quotidiano Le Parisien
Esteri / “Russia stato sponsor del terrorismo”: via libera del Parlamento Ue alla risoluzione