Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’aborto in Cile è stato in parte depenalizzato

Immagine di copertina

La decisione della Corte costituzionale è una prima enorme vittoria per tutte le donne del paese sudamericano

Il 21 agosto la Corte costituzionale del Cile ha approvato la parziale depenalizzazione dell’aborto, dopo aver respinto sei voti contro quattro il ricorso delle opposizioni dei conservatori contro la legge approvata in parlamento. Questa è una vittoria per la presidente del paese Michelle Bachelet – alla guida della coalizione di centrosinistra – e per i gruppi che hanno fatto campagna per anni contro il divieto di abortire.

Il Cile era uno dei sei paesi al mondo che vietava l’aborto alle donne. Ora la depenalizzazione parziale permetterà di abortire in tre casi specifici: quando la vita della madre è in pericolo, quando un feto con difetti congeniti non permette di portare avanti la gravidanza e quando quest’ultima è il risultato di uno stupro.

“Questa decisione toglie definitivamente il Cile una volta per tutte dall’imbarazzante lista di paesi che ancora criminalizzano l’aborto senza eccezioni”, ha detto Ana Piquer, direttrice di Amnesty International Chile.

La penalizzazione dell’aborto nel paese sudamericano era entrata in vigore alla fine della dittatura di Augusto Pinochet, con il supporto della Chiesa cattolica.

Il percorso per la parziale depenalizzazione è stato lungo e difficile, con ritardi dovuti alle divisioni interne della coalizione di governo contro un’opposizione compatta.

Nel mondo, le leggi sull’aborto sono molto diverse di paese in paese. In generale, l’Onu classifica le regolamentazioni in tema di aborto in base a sette condizioni in cui è reso legale o illegale:

• per preservare la vita di una donna;
• per preservare la sua salute fisica;
• per preservare la sua salute mentale;
• per difetti congeniti del feto che rendono impossibile la gravidanza;
• per il risultato di uno stupro o di incesto;
• per ragioni economiche e sociali;
• su richiesta della donna.

A oggi, sono cinque le nazioni che vietano ancora in tutti questi sette casi l’aborto: Malta, Città del Vaticano, Repubblica Dominicana, El Savador, Nicaragua.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”