Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Abiy Ahmed: chi è il premier etiope Premio Nobel per la Pace 2019

Immagine di copertina
Abiy Ahmed Credit: AFP

Abiy Ahmed è il primo ministro dell’Etiopia. In poco tempo ha aperto la strada a profonde riforme. Imperniate sulla pace e sulla fratellanza

Abiy Ahmed: chi è il premier etiope Premio Nobel per la Pace 2019

Il Premio Nobel per la pace 2019 è stato assegnato al primo Ministro etiope Abiy Ahmed Ali per i suoi sforzi per “risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea” e per il riconoscimento di “tutte le parti interessate che lavorano per la pace e la riconciliazione in Etiopia e nelle regioni dell’Africa orientale e nord-orientale”.

Chi è Abiy Ahmed

Abiy Ahmed è l’uomo che dopo anni e anni di guerra è riuscito a mettere la parola fine alla guerra con l’Eritrea. Diventato primo ministro nell’aprile 2018 ed in pochi mesi è riuscito appunto a porre fino a un conflitto durato vent’anni.

Con i suoi 41 anni il più giovane leader politico africano, e il suo approccio riformatore sta cambiando le prospettive del Paese sia dal punto di vista della politica interna che nella politica estera. Abiy Ahmed è molto apprezzato anche perché ha favorito la partecipazione delle donne in politica, affidando loro metà dei ministeri, compreso quello della Difesa che è stato guidato da ottobre 2018 fino all’aprile di quest’anno da Aisha Mohammed Mussa (prima di allora, era stato sempre scelto un uomo per quel dicastero).

In Etiopia, anche se rimane molto lavoro ancora da fare, Abiy Ahmed ha avviato importanti riforme che danno a molti cittadini la speranza per una vita migliore e un futuro più luminoso. Come Primo Ministro, Abiy Ahmed ha cercato di promuovere la riconciliazione, la solidarietà e la giustizia sociale”, ha deciso di liberare i prigioniero politici e riallacciato il dialogo con gli oppositori in esilio.

La riforestazione etiope

Da ricordare anche l’impegno di Abiy Ahmed per l’ambiente. L’Etiopia ha piantato più di 350 milioni di alberi in un solo giorno per contrastare il cambiamento climatico e il processo di desertificazione che investe il paese da anni. Il numero di alberi piantate nelle sole 24 ore ha determinato un nuovo record mondiale.

Il precedente record era stato raggiunto dall’India, quando nel 2017 piantò 66 milioni di alberi in un solo giorno.

Getahun Mekuria, ministro per l’Innovazione e la Tecnologia dell’Etiopia, ha dichiarato che 353.633.660 alberi sono stati piantati tra domenica 28 e lunedì 29 luglio superando l’obiettivo iniziale di 200 milioni di alberi piantati in un giorno.

L’iniziativa Green Legacy del primo ministro etiope è stata lanciata lo scorso maggio e si pone come obiettivo quello di piantare quattro miliardi di alberi in Etiopia entro ottobre.

Secondo Farm Africa, un’organizzazione coinvolta nella gestione delle foreste in Etiopia, meno del 4 per cento delle terre del Paese è ora coperto da foreste, con un forte calo rispetto al 30 per cento circa della fine del 19esimo secolo.

La popolazione in rapida crescita dell’Etiopia, la necessità di più un maggior numero di terreni agricoli, l’uso insostenibile delle foreste e i cambiamenti climatici sono spesso citati come le cause della rapida deforestazione.

Leggi anche:

> Come è cambiata l’Etiopia in soli 100 giorni grazie ad Abiy Ahmed

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"