Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il fotografo siriano Abdul Nasser Haj Hamdan ucciso in un attacco aereo russo

Immagine di copertina
Credit: Cpj

Lo scorso 20 febbraio, un attacco aereo russo nella città siriana di Ma’arat al-Naasan ha portato alla morte di Abdul Nasser Haj Hamdan, un fotografo che lavora per il Media Office a Binnish.

“Gli attacchi missilistici indiscriminati causano inevitabilmente vittime civili, comprese quelle di giornalisti che documentano il conflitto”, ha dichiarato Ignacio Miguel Delgado, rappresentante del Comitato per la protezione dei giornalisti in Medio Oriente e Nord Africa. “I militari russi e siriani devono prendere serie misure per garantire che coloro che uccidono giornalisti e altri civili, in violazione del diritto internazionale, siano ritenuti responsabili”, ha aggiunto.

Un aereo da combattimento russo ha lanciato un missile contro Ma’arat al-Naasan, una città a 4,6 miglia a nord-est di Idlib, che è esploso vicino ad Hamdan ferendolo gravemente. Il fotografo “è stato immediatamente trasferito all’ospedale di Idlib, dove ha subito un intervento chirurgico per fermare l’emorragia interna ed è stato messo in terapia intensiva per quattro ore, al termine delle quali è morto a causa di gravi emorragie”, ha raccontato il suo collega.

Lo stesso giorno, ma in un altro incidente, due fotografi siriani, Ahmad Mohammad Rahal e Ibrahim Muhammad al-Darwish, sono rimasti feriti in un attacco aereo nel villaggio di Qmenas, a sei chilometri a sud-est di Idlib. Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, sono 134 i giornalisti uccisi in Siria dall’inizio delle rivolte nel 2011.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo