Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

500 milioni di vaccini in meno ai Paesi poveri nel 2021. Covax: “Gli Stati ricchi cedano le proprie dosi”

Immagine di copertina

Entro la fine del 2021 il programma Covax distribuirà ai Paesi più in difficoltà oltre 500 milioni di dosi in meno rispetto a quelle concordate

500 milioni di vaccini in meno ai Paesi poveri nel 2021. Covax: “Gli Stati ricchi cedano le proprie dosi”

Entro la fine del 2021 il programma globale Covax distribuirà ai Paesi più in difficoltà oltre 500 milioni di dosi in meno rispetto a quelle concordate: un taglio del 30 per cento sui 2 miliardi di vaccini previsti. Ad annunciarlo sono state le organizzazioni internazionali che gestiscono il programma. Seth Berkley, presidente della Gavi Vaccine Alliance, insieme all’Organizzazione Mondiale della Sanità, all’Unicef e alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) ha lanciato un appello ai Paesi più ricchi affinché condividano porzioni più ampie delle proprie scorte con il resto del mondo.

In una nota congiunta, le organizzazioni hanno dichiarato che la decisione di abbassare l’obiettivo del programma a 1.425 miliardi di dosi è dipesa da una serie di fattori, tra cui le restrizioni sulle esportazioni di vaccino decise dal Serum Institute of India (Sii), uno dei principali fornitori. “Le conseguenze di questa scelta sono negative per tutto il mondo, perché abbiamo visto l’effetto che il virus ha quando circola senza restrizioni”, ha dichiarato Berkley in un briefing con i giornalisti.

“Non possiamo permetterci ulteriori ritardi”, mentre gli operatori sanitari e le categorie più fragili attendono ancora la prima dose di vaccino nei Paesi a basso reddito, ha aggiunto. La nota precisa che il target di 2 miliari di dosi distribuite dovrebbe essere raggiunto nel primo quarto del 2022.  Oltre 221 milioni di persone sono state contagiate dal Covid-19 nel mondo dall’inizio della pandemia e oltre 4.76 milioni sono morte, secondo le stime riportate da Reuters. Per questo Berkley insiste affinché i Paesi che hanno già raggiunto il proprio fabbisogno domestico cedano più scorte al resto del mondo. Secondo GAVI la decisione dei Paesi ricchi di pianificare un terzo giro di dosi di vaccino nel timore che l’effetto delle prime due stia svanendo non è supportata da alcuna evidenza scientifica.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza