Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La strategia del topo – Mosul: cronache dal fronte

Immagine di copertina

Il diario di Amedeo Ricucci su TPI, che racconta l’offensiva per cacciare l’Isis da Mosul e Raqqa

Non costituiscono una rete vasta come quella di Chu Chi, vicino Saigon, né ospitano serpenti, scorpioni o altri animali pericolosi. Ma d’altronde non siamo nella giungla umida del Vietnam bensì nella piana e nella città di Ninive, oggi Mosul, una regione semi-desertica e argillosa, dove per scavare un tunnel non bastano le mani ma servono le perforatrici.

Eppure, proprio i tunnel si stanno dimostrando in queste settimane un’arma micidiale in mano all’Isis; e sia i peshmerga curdi che i soldati iracheni stanno facendo fatica ad emulare i “tunnel rats”, la famosa unità americana che – ai tempi della guerra del Vietnam – era specializzata prima nel localizzare e poi nel distruggere questi tunnel, possibilmente col nemico dentro.

Qui, lungo il lungo fronte della battaglia per la riconquista di Mosul, abbiamo visto tunnel lunghi 300 metri che bucavano le montagne e tunnel più corti nei villaggi arabi, yazidi e kakai. Alcuni erano stati concepiti per aggirare le linee nemiche, altri a mo’ di bunker, per resistere ai bombardamenti. Con tanto di impianto elettrico, brande per dormire e ventilatori contro la calura.

Finora sono stati – assieme alle autobombe e alle mine – l’arma che ha più contribuito a rallentare l’avanzata della coalizione che sta provando a sloggiare l’Isis da Mosul.

È una bestemmia, lo so, paragonare i miliziani dell’Isis ai vietcong. Quella infatti era una guerra di liberazione nazionale; e quei guerriglieri che se ne stavano rintanati nei tunnel per giorni e mesi, con solo una ciotola di riso e un goccio d’acqua, obbedivano a un ideale che non poteva e non può non essere condivisibile. Ma vedo qui un’abnegazione analoga, anzi maggiore: perché si spinge fino al desiderio di morte, alla ricerca del martirio; ed è quindi più temibile.

Finita la sbornia della vittoria, annunciata, anche se dai tempi non prevedibili, bisognerà forse rifletterci un po’ di più.

— LEGGI ANCHE: Mosul: cronache dal fronte (prima puntata)

— LEGGI ANCHE: Mosul: cronache dal fronte (seconda puntata)


Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini