Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti

Immagine di copertina
Credit: EPA/ONOME OGHENE/ANSA

Su TPI il capitolo dedicato alla Bolla del Carbonio del libro "Tutte le colpe dei petrolieri", edito da Piemme, di Stefano Vergine e Marco Grasso

L’abbandono dei combustibili fossili in favore delle energie rinnovabili non sarà indolore, ma è tecnicamente possibile oltre che auspicabile. La notizia è che non comporterà necessariamente un impoverimento, ma anzi potrà rappresentare uno stimolo importante per l’economia mondiale del futuro. TPI pubblica il capitolo dedicato alla Bolla del Carbonio del libro di Marco Grasso e Stefano VergineTutte le colpe dei petrolieri”:

LA BOLLA DEL CARBONIO

Il valore delle società petrolifere è dato da tanti fat­tori, ma fra i principali rientrano sicuramente le riserve di greggio, i giacimenti posseduti dalle compagnie in giro per il mondo e non ancora sfruttati. L’oro nero è l’asset su cui per decenni hanno basato il proprio valore azio­nario centinaia di compagnie e – fatto ancora più impor­tante – anche diversi Paesi proprietari di queste aziende.

Basti pensare all’Arabia Saudita e alla sua controllata Saudi Aramco, oppure alla Russia e alle maggiori compa­gnie di Stato Gazprom e Rosneft. Oggi, però, quei barili di petrolio qualcuno ha iniziato a chiamarli stranded as­sets. Letteralmente: “beni bloccati”. In pratica sono mi­liardi di dollari che rischiano di andare in fumo, portan­dosi dietro anche chi rimarrà attaccato al barile.

Perché? Il ragionamento di fondo di chi sostiene questa tesi è li­neare. Se la temperatura media terrestre deve essere te­nuta sotto controllo, bisognerà ridurre drasticamente le emissioni di gas serra. E siccome petrolio e gas sono tra i maggiori responsabili di queste emissioni, l’estrazione e la produzione andranno ridotte notevolmente. Diversi scienziati lo sostengono ormai da anni.

Uno studio pub­blicato nel 2015 sulla rivista scientifica Nature ha sti­mato per esempio che, per mantenere l’aumento della temperatura media mondiale sotto i 2 °C, come previsto dall’Accordo di Parigi sul clima, un terzo delle riserve mondiali di petrolio, la metà delle riserve di gas e l’80% di quelle di carbone dovranno rimanere inutilizzate. Un enorme problema per compagnie che basano il proprio valore finanziario sulle riserve di idrocarburi intrappolati sotto terra.

Se infatti questi assets diventassero di colpo inutilizzabili, le compagnie vedrebbero svanire in un at­timo buona parte del loro valore. È come se da domani nel calcio venisse vietato il dribbling: un giocatore come Messi, che basa la sua forza straordinaria proprio sulla capacità di saltare gli avversari come birilli, diventerebbe un calciatore simile a tutti gli altri, e così il valore del suo cartellino crollerebbe.

La probabilità che buona parte delle riserve petroli­fere mondiali sia destinata a rimanere sottoterra aumenta proporzionalmente alla crescita delle temperature, al ri­petersi di catastrofi naturali come i già citati straordinari incendi avvenuti in Australia tra la seconda metà del 2019 e l’inizio del 2020. E, più in generale, alla crescita della consapevolezza sociale della pericolosità dei combustibili fossili.

Come abbiamo sottolineato all’inizio di questo ca­pitolo, infatti, gli appelli di leader carismatici come papa Francesco o Greta Thunberg possono mobilitare ampie proteste di piazza e arrivare fino a orientare in modo significativo il voto degli elettori. Forse proprio per que­sto, dopo anni di dichiarazioni e appelli rimasti inascoltati da parte di scienziati e associazioni ambientaliste, ultima­mente anche la politica sembra aver preso sul serio la que­stione climatica.

È questo uno dei rischi principali per le compagnie petrolifere. Perché se qualche Paese dovesse per esempio bandire le trivellazioni, oppure imporne una forte riduzione, il valore delle riserve in pancia alle com­pagnie dell’oil & gas scenderebbe di parecchio. A ciò si aggiunge il fatto che le cosiddette energie alternative, come per esempio l’energia solare o quella eolica, sono sempre più economiche, cioè meno costose da produrre.

Il mondo finanziario ha già iniziato a fare i conti sulle conseguenze di tutto questo. Lazard, una delle maggiori banche d’investimento del pianeta, nel 2018 ha calcolato che già oggi il costo dell’energia (Levelized cost of energy, Lcoe) prodotto da impianti solari ed eolici onshore, in assenza di sussidi, è simile a quello dell’energia prodotta usando il carbone. La banca americana prevede che la di­scesa dei costi di produzione delle rinnovabili continuerà nei prossimi anni, facendo di vento e sole fonti energeti­che persino più economiche di petrolio e gas.

Il discorso è ovviamente molto complesso, perché nel calcolo rien­trano parecchie variabili: per esempio il prezzo dei com­bustibili fossili, che in futuro potrebbe anche essere più basso di quello preso in considerazione da Lazard nel 2018; o i costi delle batterie, indispensabili per imma­gazzinare l’energia prodotta da sole e vento. La tendenza sembra però chiara.

Le rinnovabili sono sempre più con­venienti dal punto di vista economico, mentre le energie fossili stanno subendo un calo costante di popolarità. Un recente rapporto della Iea suggerisce che la pandemia di Co­vid-19 sia il più grande shock per il sistema energetico globale dalla Seconda guerra mondiale: determinerà una diminuzione della domanda di energia del 6% nel 2020 rispetto all’anno prima. Per capirci, quel −6% equivale all’intera domanda di energia dell’India o a quella combi­nata di Francia, Germania, Italia e Regno Unito. In que­sto contesto, tuttavia, le energie rinnovabili dovrebbero crescere del 5% e fornirebbero il 30% della domanda mondiale di elettricità.

Secondo la Carbon Tracker Initiative tutto questo «por­terà inevitabilmente a migliaia di miliardi di dollari di stranded assets in tutta l’industria privata e colpirà i Petro-Stati che non saranno riusciti a reinventarsi». Con stran­ded assets, come dicevamo all’inizio, si intendono tutti i combustibili fossili che resteranno sottoterra a causa del crollo della domanda da parte dei consumatori di ener­gia.

Le previsioni della Carbon Tracker Initiative sono state prese seriamente in considerazione non solo dalle associazioni ambientaliste, ma anche da autorevoli rap­presentanti del mondo finanziario, come vedremo suc­cessivamente. Se le stime dovessero rivelarsi corrette, si tratterebbe di una svalutazione di proporzioni epocali.

«La più grande bolla economica della storia» l’ha defi­nita l’economista e sociologo americano Jeremy Rifkin citando uno studio pubblicato nel 2015 da una divisione di Citibank. Secondo la banca d’investimento americana, infatti, circa cento trilioni di dollari di assets potrebbero rimanere inutilizzati. È una cifra pari a cinque volte il pro­dotto interno lordo annuale degli Stati Uniti, tanto per fare un paragone.

Stiamo parlando di stime, di scenari possibili, e va sem­pre ricordato che al contempo ci sono anche esperti che sostengono l’infondatezza di queste previsioni. Di sicuro c’è che se l’Accordo di Parigi sul clima verrà rispettato, anche se non da tutti i firmatari, l’uso di combustibili fos­sili nel mondo dovrà essere ridotto di molto. Una certezza che si accompagna a un fatto.

La diminuzione del costo dell’energia prodotta con fonti rinnovabili ha già portato alcuni settori produttivi a ridurre l’uso di elettricità deri­vata dalla combustione di energie fossili. Se la tendenza proseguirà, è inevitabile che gli assets petroliferi si svalu­tino. Forse non sarà la fine della civiltà basata sui combu­stibili fossili, come prevede qualcuno, ma sicuramente il mondo sarà molto diverso da come lo conosciamo oggi.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"