Covid ultime 24h
casi + 9.789
deceduti +358
tamponi +190.635
terapie intensive +8

Tridico (Inps): “Reddito di cittadinanza agli immigrati”. Salvini insorge: “Prima gli italiani, punto”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 26 Mar. 2021 alle 12:53 Aggiornato il 26 Mar. 2021 alle 12:54
357
Immagine di copertina

Per il reddito di cittadinanza “ora sono necessarie risorse aggiuntive soprattutto per le famiglie numerose e gli immigrati. Il reddito prevede un requisito di residenza in Italia di dieci anni, mi sembra eccessivo e non esiste in nessun Paese europeo”: ad lo dice il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, in un’intervista a La Stampa.

La proposta di Tridico si concentra sulle famiglie numerose: “Occorre aumentare il sussidio in base ai componenti del nucleo, oggi al massimo si arriva a 1.330 euro. O si cambia la scala di equivalenza, oppure si potrebbe agire sul contributo da 280 euro legato all’affitto. L’idea sarebbe di modularlo in base al numero dei familiari per raggiungere maggiore equità”.

Tridico ritiene improbabile una sua sostituzione al vertice dell’Istituto: “Io sono stato designato per quattro anni con un decreto del presidente della Repubblica, la mia nomina ha ottenuto il parere positivo del Parlamento”, ha ricordato, “ho una interlocuzione continua con tutti i ministri economici, c’è un’eccellente sintonia con il ministro Orlando e ho un confronto molto collaborativo con il ministro Franco”.

Tra i primi a commentare negativamente l’intervista di Tridico a La Stampa è Matteo Salvini. “Il presidente dell’Inps vuole cancellare il requisito di residenza da 10 anni? Prima bisogna aiutare i (tanti) italiani in difficoltà, poi (se avanza) si penserà ad altri. Punto”, è il lapidario e categorico commento del leader della Lega.

Leggi anche: 1. “Non leggo da 3 anni”. Ma la Lega propone Lucia Borgonzoni sottosegretario all’Istruzione; // 2. Parla il padre di Lucia Borgonzoni: “Deve ricordare che la cultura è il contrario della xenofobia”

357
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.