Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Tria: “È interesse del governo trovare l’accordo con l’Ue, un compromesso per evitare la procedura d’infrazione”

Immagine di copertina

Tria Ue | Unione Europea | Europa | Procedura d’infrazione | Debito | Saldi | Spread

TRIA UE ACCORDO –  Un governo meno duro nei confronti dell’Ue. Pronto ad evitare uno scontro frontale con la Commissione. È quello che emerge dalle parole del Ministro dell’Economia Giovanni Tria, che oggi è intervenuto per un’informativa alla Camera dei Deputati sull’eventuale procedura per debito eccessivo dell’Europa nei confronti dell’Italia. “Pur rimanendo convinti che le regole Ue devono essere migliorate e semplificate – ha detto il titolare del dicastero di via XX Settembre – è nel nostro interesse trovare un compromesso” e arrivare a un “accordo” con Bruxelles per evitare la procedura di infrazione.

Tria Ue | “Compromesso per evitare la procedura all’Italia” | “Atteggiamento costruttivo”

L’atteggiamento del governo italiano – ha detto Tria riferendosi alla valutazione che sarà fatta dal Comitato economico e finanziario sull’avvio della procedura Ue sui conti pubblici italiani – sarà costruttivo, ribadiremo le nostre ragioni agli altri paesi europei cui spetterà di trarre le conclusioni e cercheremo di trovare un ragionevole punto d’incontro”. E ancora:  “Dovremo renderci disponibili a un dialogo serrato e costruttivo che consenta di arrivare a un accordo per evitare la procedura”.

> Tria rassicura i cittadini su reddito di cittadinanza e quota 100: “In caso di procedura, nessun cambio di rotta”

“L’iniziativa della Commissione Europea di riesaminare la posizione italiana” sul rispetto della regola del debito – ha detto ancora Tria a Montecitorio -“fa parte delle normali procedure di sorveglianza previste dal Trattato e non è in contraddizione con l’accordo di fine 2018”. Tria ha anche detto che la Commissione era “sostanzialmente tenuta” a preparare il Rapporto sul debito nel quale si ritiene giustificata l’infrazione.

Tria Ue | “Dialogo con l’Europa”

“In termini procedurali – ha ricordato il ministro dell’Economia – la questione passa ora al Comitato Economico Finanziario dell’Unione (CEF) che si riunisce oggi. Se il CEF approverà le conclusioni della Commissione e non interverranno nuovi sviluppi, la decisione verrà rimessa al Consiglio dell’Unione Europea”. Ma l’Italia, ha sottolineato più volte Tria in chiusura del suo discorso, è pronta a cercare “un ragionevole punto d’incontro” e ad aprire una fase di dialogo per trovare un accordo per evitare la procedura.

Dopo l’intervento di Tria il CEF hanno approvato il parere della Commissione. La parola spetta ora all’Ecofin del 9 luglio, per la decisione finale sull’apertura della procedura.

Tria Ue | “Italia pronta a rispettare i saldi”

Nell’intervento di Tria non sono mancati riferimenti al rapporto deficit/pil, costantemente sotto controllo. “Il governo monitora costantemente l’andamento dei conti pubblici ed è determinato a perseguire il fondamentale obiettivo di saldo strutturale e ad adottare tutte le cautele e le iniziative funzionali al raggiungimento di tale obiettivo”.

Tria Ue | “Normalizzare lo spread”

Ma Tria ha rassicurato anche sul fronte spread. Il titolare del dicastero di via XX Settembre, ha dichiarato senza giri di parole che è interesse del governo “normalizzare definitivamente le condizioni del nostro mercato dei titoli di Stato, la cui solidità è fondamentale non solo per i risparmiatori e le istituzioni finanziarie, ma anche e soprattutto per una vera ripresa dell’economia”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Istat: prezzi salgono del 8,9% nel 2022, da settembre inflazione più alta dal 1985
Economia / Ecco cosa c’è dietro la vendita di Eataly
Economia / Gas flaring: tutto il gas che non viene usato ma bruciato dalle compagnie petrolifere
Ti potrebbe interessare
Economia / Istat: prezzi salgono del 8,9% nel 2022, da settembre inflazione più alta dal 1985
Economia / Ecco cosa c’è dietro la vendita di Eataly
Economia / Gas flaring: tutto il gas che non viene usato ma bruciato dalle compagnie petrolifere
Economia / Bollette, arriva la stangata: elettricità +59% nel quarto trimestre
Economia / Gas, Cingolani: “Serve il price cap ma i prezzi non torneranno mai al livello di un anno fa”
Economia / La sostenibilità di Banca Ifis
Cronaca / Bollette, allarme rincari: “Senza aiuti dal governo aumenti fino al 100%”
Economia / I mercati finanziari rassicurati dal risultato elettorale. Spread sale a 242 punti base
Economia / Rapporto OCSE sul prezzo della guerra: nel 2023 persi quasi 3 trilioni di dollari
Economia / Trieste: il giudice annulla i licenziamenti Wartsila, era comportamento antisindacale