Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Tessera sanitaria, le nuove non avranno il microchip: a rischio i servizi on line

Immagine di copertina

Le nuove tessere sanitarie, dallo scorso 1 giugno, sono realizzate – e consegnate ai cittadini – senza microchip. Lo ha stabilito un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, come segnalato dal Messaggero. Non sono, quindi, più digitali. Almeno per ora. Mancano, infatti, i semiconduttori per produrre i circuiti integrati a causa “della grave crisi internazionale”, come riportato sul sito del Mef. Il neon e il palladio sono gli elementi necessari alla produzione di queste componenti. Due dei Paesi che hanno maggiore disponibilità sono proprio la Russia e l’Ucraina, oltre a Taiwan che è tra i primi esportatori mondiali di microchip.

La tessera sanitaria elettronica permette di accedere a tutti i documenti della pubblica amministrazione, di svolgere pratiche per l’identificazione e l’autenticazione online e consente, inoltre, di mettere la firma elettronica. Senza di questo la carta avrà valenza di Codice Fiscale e di Tessera Europea Assistenza Malattia (Team) – che permette di essere assistiti in tutti i paesi dell’Unione Europea -, ma non avrà le funzionalità della Carta nazionale dei servizi (Cns). È a rischio, quindi, l’accesso ai servizi in rete.

Come si legge sul Messaggero, è consigliato non buttare via la vecchia tessera sanitaria – il chip è ancora utilizzabile – e di prorogare la sua validità fino al 31 dicembre 2023. Bisogna farlo prima della scadenza e sarà possibile, così, utilizzarla online. Ma non è semplice estendere la durata, almeno non per tutti. È necessario, infatti, installare un software sul sito sistemats.it e bisogna disporre del codice pin/puk che è stato rilasciato insieme alla tessera. Oltre a questo bisogna avere a disposizione anche il lettore di smart card, come specificato sulla guida consultabile al link. Ogni anno sono oltre 11 milioni gli italiani che devono rinnovare la carta e averne una nuova che per un po’, almeno per ora, sarà senza microchip.

Ti potrebbe interessare
Economia / Stazioni del territorio: il progetto del gruppo Fs per rigenerare i piccoli centri con nuovi servizi
Economia / La rivoluzione smart della logistica
Economia / L’AD del Gruppo Fs Luigi Ferraris: “Anno record in termini di capacità e sviluppo”
Ti potrebbe interessare
Economia / Stazioni del territorio: il progetto del gruppo Fs per rigenerare i piccoli centri con nuovi servizi
Economia / La rivoluzione smart della logistica
Economia / L’AD del Gruppo Fs Luigi Ferraris: “Anno record in termini di capacità e sviluppo”
Ambiente / Luce per la casa: con la fine del mercato tutelato occhi puntati sulle offerte attente all’ambiente
Economia / Aree di servizio con colonnine per la ricarica elettrica: Ip e Macquarie danno vita alla joint venture IPlanet
Economia / La Starlink di Elon Musk contro Tim: “Ostacola lo sviluppo dei nostri servizi satellitari per Internet veloce”
Economia / Stop allo smart working semplificato, si torna alle regole pre-Covid. Cosa cambia
Economia / Anomalia sui conti Bnl: i clienti si trovano addebiti multipli e saldi azzerati. Poi la banca risolve il problema
Economia / Il patrimonio dell’1% più ricco degli americani ha superato la cifra record di 44mila miliardi di dollari
Economia / Chiara Ferragni esce dal consiglio di amministrazione di Tod’s