Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione

Immagine di copertina
Auto prodotte nello stabilimento di Melfi. Credit: ANSA / TONY VECE.

Lo stabilimento Stellantis di Melfi, in provincia di Potenza, da oggi e fino al prossimo 10 maggio sarà fermo: è stata infatti attivata per otto giorni la cassa integrazione per circa 7 mila lavoratori. L’azienda, nel corso dell’ultima assemblea telematica con i sindacati, ha comunicato la sospensione dell’attività lavorativa.

“Stellantis ha annunciato una nuova chiusura totale di tutto lo stabilimento dal 3 al 10 maggio compreso”, ha dichiarato il segretario regionale della Uilm lucana, Marco Lomio. “Tale ulteriore periodo di sospensione delle attività è legata alle conseguenze di mercato derivate dall’emergenza Covid-19 e dalla mancanza di componenti essenziali alla produzione – semiconduttori”.

La carenza di semiconduttori, dei microchip prodotti per lo più in Cina e realizzati con il silicio, sta costringendo le case automobilistiche e le aziende di telefonia di tutto il mondo a rallentare le produzioni. La loro richiesta è aumentata proprio in coincidenza con la pandemia di Covid-19, a seguito della forte domanda di apparecchiature informatiche domestiche di consumo, e per via delle tensioni commerciali tra Usa e Cina.

Tutte le operazioni nello stabilimento di Melfi verranno fermate, compresa la produzione dei modelli Fiat 500X, Jeep Renegade e Jeep Compass. “Questi continui stop legati ai problemi di fornitura – ha aggiunto Lomio – ad oggi non vedono una soluzione e impattano in modo forte sul salario dei lavoratori”. L’ennesimo ricorso alla Cig per gli operai di Melfi rischia di mettere a rischio la tenuta occupazionale dello stabilimento lucano, già provata dal mancato avvio del terzo turno promesso che ha costretto alla Cig, da inizio anno, 1.500 lavoratori.

Leggi anche: 1. Stellantis in Italia riceve soldi dallo Stato, in Francia dà 10 milioni a Macron /2. Gli operai Stellantis e la grande crisi dell’auto a Torino: “Draghi, se ci sei batti un colpo” /3. “Su Stellantis si gioca il futuro industriale dell’Italia, ma il Governo è assente”: intervista a De Palma (Fiom) /4. Draghi a TPI: “Faremo debito buono. Stellantis? Dossier non è aperto”

Ti potrebbe interessare
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Ti potrebbe interessare
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Economia / Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Aiuti bis. Le misure
Economia / Stellantis paga i dipendenti per licenziarsi. Il risultato? Forza lavoro ridotta dell’8% in due anni
Economia / Decreto Aiuti bis, aumento in busta paga e niente bonus di 200 euro. Le misure
Economia / Energia, col boom dei prezzi volano gli utili di Eni: quasi il 700% nel primo semestre 2022 con oltre 7 miliardi di euro