Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Nuova legge sulle startup in Tunisia, ecco cosa cambia

Immagine di copertina

Il parlamento tunisino ha approvato all’inizio di aprile la nuova legge sulle start-up. Con una mossa attenta al settore tecnologico, il primo ministro tunisino Youssef Chahed ha dato la notizia attraverso il suo account Twitter.

Questa legge è arrivata in un momento particolarmente complesso per l’economia della Tunisia: per quanto il paese sia ritenuto l’unico a riuscire nel successo politico delle rivoluzioni della primavera araba, sette anni dopo la sua economia si trova di fronte a molte difficoltà.

Secondo la Banca Mondiale, la disoccupazione in Tunisia ha toccato il 36 per cento e il deficit di bilancio ha toccato il 6 per cento del PIL, con un debito pubblico straniero pari al 71 per cento e l’inflazione che ha toccato il 7,1 lo scorso febbraio. La valuta del paese, il dinaro, ha inoltre subito una svalutazione del 19 per cento contro l’Euro lo scorso anno e il prezzo dei beni e dei servizi è aumentato vertiginosamente.

Il primo gennaio 2018 il governo ha approvato la nuova legge finanziaria, che mira a ridurre l’inflazione e il deficit. Il provvedimento, sostenuto dal Fondo Monetario Internazionale, comprendeva dure misure di austerità che hanno aumentato le imposte su diversi prodotti, causando una serie di manifestazioni di protesta.

In questo panorama, le startup rappresentano la risposta alla situazione economica non particolarmente positiva, secondo quanto ha dichiarato al sito statunitense Al Monitor House Edine Touil di Tunisian Startups.

La nuova legge sulle startup include le esenzioni dalle tasse fino a otto anni per questo tipo di aziende e un salario garantito dal governo per un massimo di tre dei loro fondatori nel primo anno di attività della società.

Negli ultimi anni la Tunisia ha visto, nonostante la già citata situazione economica, una crescita del settore tecnologico pari al 17 per cento, rendendolo uno dei migliori mercati africani per quanto riguarda il settore. Lo scorso settembre Google Launchpad ha anche annunciato che avrebbe portato il suo programma per le startup in Tunisia.

Secondo i dati diffusi dall’agenzia gestionale tunisina Mazam, in tutto il paese esistono 386 imprese di questo settore, 169 siti per il supporto tecnico e 135 di sostegno finanziario a questi progetti.

Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Cronaca / L’Antitrust italiana multa Amazon e Apple per oltre 200 milioni di euro: “Violate norme sulla concorrenza”
Lavoro / Preparati al mondo del lavoro, partecipa a Destination Work City di Gi Group
Economia / Con la pandemia le aziende litigano di più (anche da remoto)
Economia / Italiani sempre più poveri: inflazione al 3%, mai così alta dal 2012
Cronaca / Guarito da un tumore viene messo in aspettativa non retribuita: “Così Amazon si sbarazza dei lavoratori fragili”
Economia / Criptovalute: il 2022 sarà davvero un anno di svolta?
Economia / Digital marketing: aumentare vendite e fatturato grazie all’online