Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Una startup ghanese vuole rendere le medicine accessibili a tutti

Immagine di copertina

Una start-up con sede in Ghana ha ricevuto 1,5 milioni di dollari dal miliardario ex presidente di eBay Jeff Skoll per sostenere il suo lavoro nel cambiare l’industria farmaceutica africana per rendere le medicine più accessibili.

MPharma è una delle cinque aziende sociali a ricevere premi dalla Skoll Foundation allo Skoll World Forum di questa settimana, il principale evento britannico per l’impresa sociale.

I proprietari di farmacie in Paesi africani come il Ghana e la Nigeria devono negoziare i prezzi individualmente con i fornitori di farmaci, il che significa che la stessa medicina può costare importi diversi in diverse farmacie, ha affermato Gregory Rockson, fondatore di mPharma.

Dal momento che c’è poca regolamentazione, i prezzi dei farmaci sono marcati dagli intermediari e spesso diventano esorbitanti, ha detto.

MPharma funziona gestendo la fornitura di farmaci per più farmacie, quindi può negoziare prezzi all’ingrosso e ridistribuire i farmaci secondo necessità. I farmacisti pagano solo per quello che vendono, il che incentiva il mPharma a mantenere bassi i prezzi.

“Vogliamo che ogni paziente africano sia in grado di accedere ai farmaci di cui ha bisogno, indipendentemente dal loro background socioeconomico”, ha dichiarato Rockson alla Thomson Reuters Foundation. “Ci auguriamo che in tal modo si possa creare la più grande e più efficace azienda sanitaria in Africa”.

Le medicine rappresentano dal 20 al 60 per cento della spesa sanitaria nei Paesi a basso e medio reddito in tutto il mondo, rispetto al 18 per cento nei Paesi più sviluppati, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Fino al 90 per cento delle persone nei Paesi in via di sviluppo deve pagare i medicinali di tasca propria, rendendoli inaccessibili per gran parte della popolazione, dice l’OMS.

Ti potrebbe interessare
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Ti potrebbe interessare
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Economia / Landini: “Oggi è il momento di vaccinare e non il momento di licenziare”
Economia / Gli operai Stellantis e la grande crisi dell’auto a Torino: “Draghi, se ci sei batti un colpo”
Economia / Fisco, sospese fino al 30 maggio le cartelle esattoriali
Economia / Stellantis in Italia riceve soldi dallo Stato, in Francia dà 10 milioni a Macron
Cronaca / Gli influencer chiedono un loro sindacato: “Abbiamo bisogno di tutele”
Economia / Pfizer vuole aumentare da 19,5 a 175 dollari i prezzi dei vaccini quando sarà finita l’emergenza
Economia / Come funziona Quota 102, l’ipotesi del Governo sulle pensioni per frenare l’ira di Salvini