Me

Spread Italia: Btp/Bund oggi martedì 17 settembre in tempo reale

Il dato sempre aggiornato

Di Luca Serafini
Pubblicato il 17 Set. 2019 alle 15:30 Aggiornato il 17 Set. 2019 alle 18:35
Immagine di copertina

Spread oggi in tempo reale: 17 settembre 2019

Giorni importanti per l’andamento dello spread: vedremo oggi quale sarà il rendimento del differenziale Btp-Bund, un importante indicatore dello stato di salute della nostra economica, dal quale dipende l’ammontare di interessi sul debito pubblico che l’Italia deve pagare ai suoi creditori. Un dato cruciale specie in vista della manovra di bilancio che dovrà varare l’esecutivo M5S-PD.

Spread in tempo reale: la diretta LIVE

Di seguito il dato di oggi, martedì 17 settembre 2019.

Ecco l’andamento in tempo reale dello spread:

ore 17.30 – Chiusura in rialzo per lo spread tra il Btp e il Bund. Il differenziale archivia la seduta a 139 punti base dai 132 punti di ieri. Il tasso sul decennale del Tesoro si attesta allo 0,91 per cento.

ore 16.30 – 138.8

ore 16.00 – 138.1

ore 15.30 – 138.6

ore 15.00 – 138

ore 14.30 – 138.4

Dentro il Rojava, guerra di Siria

ore 14.00 – 138.5

ore 13.30 – 138

ore 13.00 – 137.1

ore 12.30 – 137

ore 12.00 – 137.2

ore 11.30 – 137.5

Dentro il Rojava, guerra di Siria

ore 11.00 – 137.9

ore 10.30 – 137.9

ore 10.00 – 135.6

ore 09.30 – 133.8

ore 09.01 – 134.5

ore 08.50 – Spread in lieve rialzo – Lo spread tra Btp e Bund questa mattina è in lieve rialzo. Il differenziale segna 134 punti base (132 la chiusura di ieri sera), con un tasso di interesse sul decennale italiano pari a 0,85 per cento.

Cosa è lo Spread: significato

Ma così è il differenziale Btp/Bund? Lo spread è un valore che indica la differenza di rendimento tra titoli di Stato italiani e tedeschi e nello specifico, la forbice tra il rendimento offerto dal Btp (buono del tesoro poliennale emesso dallo Stato italiano) a 10 anni e quello offerto dal suo corrispettivo tedesco, il Bund.

Oggi lo spread viene preso come riferimento per misurare la stabilità economica di un paese in relazione con gli altri paesi. È anche un indice della fiducia dei mercati nei confronti del Paese.

Spread è dunque anche un termine generico che indica semplicemente la differenza esistente fra due valori e assume significato diverso a seconda del contesto. È dal 2011 che il termine è sotto i riflettori e al centro dell’attenzione pubblica, assumendo nello specifico il significato di differenziale tra i Btp italiani e i Bund tedeschi. All’inizio di quell’anno, il 4 gennaio, era a 173 punti. Dopo un’estate burrascosa e l’avvicendamento a Palazzo Chigi tra Silvio Berlusconi e Mario Monti, a novembre arrivò a quota 528.

Lo spread è un indicatore fondamentale per comprendere lo stato di salute dell’economia italiana. Se il differenziale tra Btp e Bund tedeschi è troppo alto, infatti, salgono molto anche gli interessi sul debito pubblico che l’Italia deve pagare ai suoi creditori.

Cosa è il differenziale Btp-Bund