Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

L’allarme spread: il Btp/Bund non si ferma e sale ai livelli della Grecia

Immagine di copertina

SPREAD OGGI – Non s’interrompe la preoccupazione per la salita dello spread, per la crescita dei tassi di interesse sui bond italiani. Oggi i titoli di Stato del nostro Paese emessi sulla scadenza a cinque anni vengono giudicati dai mercati più rischiosi di quelli della Grecia. Il differenziale tra rendimento dei Btp quinquennali e il Bund tedesco è salito a 234 punti base, in rialzo di 10 punti, mentre quello tra Atene e Berlino è calato di 10 punti base a quota 226 punti base.

Spread oggi | L’Italia ai livelli della Grecia

Nel dettaglio, il Btp quinquennale offre oggi  un rendimento più alto di quello della Grecia: l’1,74% contro l’1,68%, segnale di scarsa fiducia dei mercati rispetto alla nostra economia e alla capacità di tenere in ordine i conti pubblici.

> Lo spread oggi 31 maggio 2019

Per quanto riguarda invece i titoli di Stato decennali il profilo di rischio di Italia e Grecia è ormai prossimo alla parità. Lo spread della Grecia rispetto all’Italia, nel 2012 a ben 27 punti percentuali (2.700 punti base), oggi è crollato a 18 punti base (allo 0,18 per cento): non era così basso dal 2008, cioè prima dello scoppio della crisi ellenica avvenuto nel 2009, quando il neo primo ministro George Papandreou rivelò pubblicamente che le statistiche inviate dai precedenti governi greci all’Unione Europea erano state falsificate.

Spread oggi | Borsa giù

L’andamento negativo dello spread si fa sentire anche in Borsa. Oggi, a metà giornata, Piazza Affari scivola (-1,6%), trovando nuovi minimi dallo scorso 14 febbraio. Il differenziale tra Btp e Bund vicino ai 290 punti penalizza soprattutto i titoli bancari come Intesa (-2,71%), Ubi (-2,41%), Banco Bpm e Unicredit (-1,3% entrambe). Il titolo peggiore è però Fca (-5,23%), in linea con l’andamento del resto del settore dopo le minacce di Trump al Messico. In particolare cede Renault (-4,83%), il cui Cda si riunirà martedì per valutare la proposta di fusione dell’ex-Lingotto. Sotto pressione anche Exor (-3,4%), più caute invece Cnh (-2,34%) e Ferrari (-1,68%).

> Tutte le news aggiornate sullo spread

Il nuovo calo del greggio (Wti -2,12%) frena Eni (-1,02%) e Saipem (-1,52%). Pochi i rialzi, limitati a Juventus (+2,13%), A2a (+1,8%) e Amplifon (+1,33%). Bene Astaldi (+0,9%) e Salini Impregilo (+2,17%), dopo la diffusione dei dettagli sul ‘Progetto Italia’.

Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens