Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Ryanair cambia nome ai Boeing 737 Max dopo che due aerei di questo modello sono precipitati

Immagine di copertina

La compagnia aerea irlandese Ryanair ha cambiato nome ai nuovi Boeing 737 Max per evitare che i passeggeri siano influenzati dalla cattiva reputazione di questi apparecchi dopo le stragi causate in Indonesia e Etiopia. Ryanair ha modificato il nome : da “737 Max” a “737-8200”.

In questo modo la compagnia low cost eviterebbe di intimorire i viaggiatori che associano il Boeing 737 Max agli aerei precipitati in Indonesia e Etiopia. Due foto che ben raffigurano cosa è cambiato sono state concesse da Woodys Aeroimages al quotidiano britannico The Guardian che per primo ha riportato la notizia.

“Ryanair ha ordinato i Boeing Max 200, una variante dei Max, e questi hanno bisogno di essere certificati separatamente sia dalla FAA (l’ente federale americano dell’aviazione, ndr), sia dall’Easa (l’ente europeo, ndr)”, ha commentato in una nota l’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary.

Il suggerimento di cambiare il nome del jet era arrivato per la prima volta dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che in un tweet dello scorso aprile aveva scritto: “Forse non so nulla di branding (ma sono diventato presidente!), ma se fossi Boeing, avrei sistemato il Boeing 737 Max, aggiunto alcune grandi caratteristiche aggiuntive e avrei fatto una operazione di rebrand dell’aereo con un nuovo nome”.

Il Boeing 737 Max era l’aereo a bordo del quale viaggiavano le 189 persone (tra cui un italiano) morte in Indonesia nell’ottobre 2018, quando il volo della Lion Air precipitò in mare poco dopo il decollo da Giacarta, in Indonesia. Nel marzo 2019 un aereo dello stesso modello era caduto in Etiopia provocando la morte di 157 persone.

Dopo il secondo disastro i voli dei Boeing 737 Max sono stati bloccati in tutto il mondo e la multinazionale americana Boeing sta ancora cercando di trovare una soluzione ai problemi del sistema informatico a bordo dei velivoli.

Il rilevamento delle criticità del cosiddetto sistema “anti-stallo” non ha però fermato la produzione ed è già ripartita la costruzione di nuovi Boeing nello stabilimento Boeing di Renton, vicino Seattle, negli Stati Uniti. I modelli 737 Max sono stati nuovamente acquistati anche da Ryanair, che ne ha ordinati 135. Cinque di questi sono in consegna ad autunno.

Come scoprire se il tuo aereo è un Boeing 737 Max 8 che rischia la cancellazione
Ti potrebbe interessare
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Ti potrebbe interessare
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Economia / Bonus 200 euro per le partite Iva: chi può richiederlo e come fare domanda
Economia / Addio ai voli a 10 euro di Ryanair. Pesa il caro energia
Economia / Flat tax: che cos’è e come funziona
Economia / Salvini promette la flat tax al 15%, Berlusconi al 23%: ecco quanto costerebbe
Economia / Eredita 4 miliardi di euro, ma li rifiuta: “È una questione di correttezza”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Economia / Banca Ifis: utile netto in crescita del 50% a 72,5 milioni di euro nel 1° semestre 2022
Lavoro / Sfruttati, sottopagati e sovraqualificati: fino a che punto vale la pena sacrificare la propria felicità in nome della produttività?
Lavoro / “Dovevo fermarmi per tornare a respirare”: le storie dei ragazzi che hanno lasciato il proprio lavoro