Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Psd2: cos’è la direttiva che rivoluziona le banche online

Immagine di copertina
Credit: Afp

Pagamenti elettronici: dal 14 settembre addio alla chiavetta di plastica, si potrà usare solo il token mobile

Psd2: cos’è la direttiva che rivoluziona le banche online

La direttiva europea Psd2 è una normativa adottata dalla Commissione europea destinata a rivoluzionare il funzionamento delle banche online. In base a questa normativa, per i pagamenti elettronici non è più possibile utilizzare la chiavetta di plastica (o token fisico) e si dovrà per forza ricorrere al nuovo sistema del token mobile.

Banche online: chiavetta addio, cosa cambia con il token mobile

Cos’è il token mobile

Il token mobile è il nuovo strumento che consentirà di accedere al proprio account di Internet banking e di effettuare pagamenti online. Dal 14 settembre 2019 sostituisce definitivamente il token fisico, ossia la comune chiavetta di plastica generatrice di password fornita dalle banche online per garantire la sicurezza delle transazioni elettroniche.

Il token mobile è sostanzialmente una password usa e getta (in gergo chiamata Otp, ossia “one time password) che viene generata dalla app della propria banca online.

Psd2: cosa prevede

La direttiva europea Psd2 (Payment services directive 2) è entrata in vigore il 13 gennaio 2018 e in Italia diventa operativa a partire dal 14 settembre 2019.

La norma impone alle banche di aprire a terze parti autorizzate le porte dei propri conti e dei dati in proprio possesso. Le operazioni online effettuate dai clienti, in altre parole, non saranno più gestite direttamente dagli istituti di credito, ma da soggetti terzi dotati di apposita licenza.

Perché tutto questo? Alla base c’è il principio per cui i dati non sono della banca ma del correntista. Le transazioni elettroniche non avranno più bisogno di soggetti intermediari e non contempleranno più commissioni. L’obiettivo della Psd2 è di aumentare la concorrenza sul mercato dei pagamenti e dare maggiore apertura alle informazioni dei conti correnti bancari.

“I consumatori europei saranno più protetti contro le frodi online, e avranno miglior accesso a forme più innovative di pagamenti online e via smartphone”, scrive la Commissione Ue in una nota.

I principi alla base della direttiva Psd2 sono:

– trasparenza nei servizi di pagamento;
– sicurezza nelle transazioni, con il rafforzamento dei diritti degli utenti e requisiti più stringenti per i prestatori di servizi di pagamento;
– innovazione nei servizi di pagamento online;
– aumento della competitività tra i soggetti che offrono servizi di pagamento online.

 

Ti potrebbe interessare
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Ti potrebbe interessare
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Pensioni / Trump si paragona a Navalny: “Gli Usa stanno diventando un Paese comunista”
Economia / Stellantis valuta di produrre auto elettriche cinesi a Mirafiori
Economia / Le Bahamas non sono più un paradiso fiscale, almeno per l’Ue
Economia / A Roma la prima riunione dell’EMC di UIC sotto la presidenza dell’AD Luigi Ferraris
Economia / Quelle aziende che pagano per non assumere disabili