Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Pos e bancomat, arriva la stretta del governo: da giugno (doppia) multa per chi nega i pagamenti elettronici

Immagine di copertina

Pos e bancomat: da giugno (doppia) multa per chi nega i pagamenti elettronici

In teoria l’obbligo del Pos per esercenti e professionisti esiste dal 2013, ma non la multa che avrebbe dovuta essere introdotta a partire dal 1 gennaio 2023, come previsto dal parlamento europeo. Il nuovo decreto Pnrr, che comprende un pacchetto di norme mirate a sburocratizzare la PA e contrastare l’evasione fiscale, ha deciso però di anticipare di 6 mesi, al 30 giugno, le multe ai negozianti che rifiutano i pagamenti con il Pos. La sanzione prevista sarà di 40 euro, aumentata del 4 per cento rispetto al valore della transazione per la quale sia stato negato il pagamento col bancomat – i.e., un pagamento rifiutato di 25 euro comporterà una multa da 31 euro.

Con il nuovo decreto, attualmente all’esame del Consiglio dei ministri, il Governo punta a rilanciare la lotta all’evasione Il Fisco richiederà infatti l’invio obbligatorio di tutte le transazioni avvenute digitalmente, con l’obiettivo di individuare le forme d’evasione più difficili da rintracciare, ovvero quelle realizzate senza emettere scontrino, fattura e ricevuta. La risposta di Confesercenti non è tardata ad arrivare.

Secondo l’associazione di categoria, che rappresenta 350mila imprese italiane, prima di applicare questa ‘stretta sui Pos’ sarebbe opportuno procedere a un taglio sostanziale delle commissioni pagate da negozianti e professionisti sui pagamenti elettronici, più volte promesso ma realizzato solo in minima parte. Come ha dichiarato l’associazione, “tra progetti di sanzioni, lotterie e obblighi vari, il rischio è sempre lo stesso: concentrare il peso della lotta all’evasione sulle spalle degli esercenti. E questo mentre le grandi piattaforme internazionali che operano sull’online godono ancora di un regime fiscale favorevole, che permette loro di pagare un quinto rispetto agli altri.” Nella stessa nota, ha sottolineato che “negli ultimi anni il numero dei Pos attivi è cresciuto enormemente.” I Pos attivi nel 2020 erano infatti 3,4 milioni, un milione in più rispetto a quelli del 2017. Un aumento al quale tuttavia non è corrisposto un incremento dei proventi della lotta all’evasione.

Ti potrebbe interessare
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Ti potrebbe interessare
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Economia / Ita, il manager Alfredo Altavilla: “Stipendio troppo basso, lede la mia storia”
Economia / Altro che più libertà: le criptovalute favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi (di A. Stille)
Economia / Bonus 200 euro, chi dovrà fare richiesta e chi lo riceverà in automatico
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene
Economia / Quali sono le tasse per il settore giochi? Una panoramica sulle principali imposte da assolvere