Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Cos’è l’Opec, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio che controlla il mercato del greggio

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) è stata fondata nel 1960 a Baghdad da Arabia Saudita, Iraq, Iran, Kuwait e Venezuela.

I membri al momento sono: Algeria, Angola, Arabia Saudita, Ecuador, Emirati Arabi Uniti, Iran, Iraq, Kwait, Libia, Nigeria, Venezuela, Gabon e Indonesia. Il Qatar ha annunciato l’uscita dall’Organizzazione il 3 dicembre 2018.

Il cartello petrolifero è stato creato con lo scopo di negoziare da una posizione di forza gli aspetti relativi alla produzione del greggio, oltre a influire sul prezzo al barile così da proteggere gli interessi dei paesi esportatori.

La suprema autorità dell’organizzazione è la Conferenza, che dal 1965 ha sede a Vienna.

Gli stati membri OPEC controllano circa il 78 per cento delle riserve mondiali di petrolio, il 50 per cento di quelle di gas naturale e forniscono circa il 42 per cento della produzione mondiale di petrolio ed il 17 per cento di quella di gas naturale.

L’Opec è l’unica organizzazione che negli anni si è dimostrata in grado di influenzare l’andamento del mercato petrolifero, intervenendo sul prezzo del greggio al barile. Nell’Organizzazione un ruolo fondamentale è svolto dall’Arabia Saudita, l’unico membro con capacità di scorta e in grado di aumentare la produzione se necessario.

Nel 1983 e 1984, l’Opec ha fissato delle quote massime di  produzione per i singoli paesi, in modo tale da regolare il mercato, ma le regole sono state spesso sospese momenti storici particolari, come la guerra del Kippur del 1973 o la prima guerra del Golfo.

Durante la crisi energetica del 1973, l’Opec si rifiutò di spedire petrolio verso le nazioni occidentali che avevano sostenuto Israele nella guerra del Kippur contro l’Egitto e la Siria. La decisione portò a un incremento del 70 per cento nel prezzo del greggio per cinque mesi, dal 17 ottobre 1973 al 18 marzo 1974.

L’organizzazione parallela dell’Oapec (Organizzazione dei Paesi Arabi Esportatori di Petrolio), fondata nel 1968 nel Kuwait, si occupa invece del coordinamento delle politiche energetiche dei paesi Arabi che fanno parte dell’Opec.

Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Economia / Messico, Amazon costruisce un magazzino in mezzo una baraccopoli: le foto diventano virali
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Economia / Fca pagò tangenti ai sindacati per corromperli: multa da 30 milioni di dollari negli Usa
Economia / Bonus terme 2021: cos’è, come funziona, quando e chi può richiederlo
Economia / Le “tute blu” ora diventano rosa
Economia / Clima: i disastri naturali hanno causato danni per 63 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2021