Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Multe, scatta l’aumento del 10% a causa dell’inflazione

Immagine di copertina

Non solo le bollette di luce e gas. A causa dell’inflazione aumenteranno anche le multe. Il rincaro scatterà automaticamente il 1° gennaio 2023, poiché l’adeguamento per le sanzioni amministrative è previsto ogni due anni dal Codice della Strada. Come spiega il Corriere della Sera, l’anno del prossimo aumento è proprio il 2023. Oltre il danno la beffa, dunque, visti i tanti rincari previsti in questo caldo autunno a causa della crisi energetica e la conseguente inflazione.

A stabilire di quanto aumentano le multe è un parametro dell’Istat, l’indice Foi dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, riferito al mese di novembre. Tale dato non è ancora disponibile ma quello precedente, registrato a luglio, segnava un +9,8%. Se l’incremento sarà, quindi, quasi del 10 per cento, una multa per divieto di sosta passerà dagli attuali 42 euro a 46 euro. Per chi verrà beccato ad usare il cellulare alla guida, la sanzione sarà di 181 euro e non più di 165. Superare i limiti di velocità costerà fino a 597 euro (ora 543).

Una stangata che l’Asaps, l’Associazione sostenitori Polstrada, vorrebbe venisse evitata, ricordando anche che l’ultimo provvedimento del 31 dicembre 2020 “ebbe come conseguenza una diminuzione minima delle multe, con un calo dello 0,2%, e la conseguenza fu una riduzione delle sanzioni 2021-2022, ma solo quelle che avevano un importo superiore a 250 euro, con la stragrande maggioranza di violazioni rimaste inalterate”. Questa volta, invece, come detto, l’aumento dovrebbe essere ben del 10%.

L’appello alle forze politiche impegnate in campagna elettorale è quello di bloccare l’aumento biennale che scatterebbe dal 1 gennaio. “Premesso che siamo, come sempre, per il rispetto del Codice della Strada e per la legalità — sottolinea il presidente dell’Asaps Biserni — corre l’obbligo di ricordare come oggi, di fronte a una situazione economica veramente critica, post emergenza Covid, con una situazione terribile per gli aumenti di bollette e prezzi in generale, a causa del conflitto in Ucraina, si rischia che le multe rimangano grida manzoniane, perché questi aumenti esaspereranno gli automobilisti e non verranno mai pagate o solo in minima parte, come dimostrato dai cali di incassi del bilancio dello Stato e degli enti locali, in materia di riscossione volontaria. Si rischia il “default” stradale”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Borsa italiana oggi, 5 ottobre 2022: tutti i dati in tempo reale
Economia / Ora sono 30 i miliardi che Intesa Sanpaolo destina alle famiglie per il caro energia
Economia / L'Aifa apre alla gratuità della pillola anticoncezionale
Ti potrebbe interessare
Economia / Borsa italiana oggi, 5 ottobre 2022: tutti i dati in tempo reale
Economia / Ora sono 30 i miliardi che Intesa Sanpaolo destina alle famiglie per il caro energia
Economia / L'Aifa apre alla gratuità della pillola anticoncezionale
Economia / Contro il caro bollette i Comuni chiedono un miliardo. Anci: “Dai tram all’illuminazione si rischia di fermare tutto”
Economia / Caro bollette, cosa conviene tra il mercato tutelato e quello libero? Le differenze
Economia / Centrodestra, con il primo decreto torna il condono: è il secondo in meno di due anni
Economia / Totoministri, venti di recessione: Meloni punta sul tecnico Panetta all’Economia
Economia / Caro energia, la ricetta di Gentiloni e Breton: “Serve una risposta europea comune”
Economia / Gas, tetto ai prezzi e addio a TTF: il piano italiano per convincere l’Europa a fermare la speculazione
Economia / Gas russo, Eni pronta a pagare per sbloccare i flussi dall’Austria. Forniture ferme da tre giorni