Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

John Elkann entra nella lobby del nucleare: il nuovo business è l’uranio

Immagine di copertina

Leggendo la consueta lettera annuale agli azionisti di Exor, si apprende che la famiglia Agnelli-Elkann si è lanciata in un nuovo business: dopo automotive, calcio, editoria, moda, assicurazioni, armamenti, ora ecco anche il nucleare. Il presidente John Elkann ci fa sapere infatti che la holding di casa è diventata azionista di due importanti aziende produttrici di uranio: la Cameco e la NexGen Energy, entrambe canadesi. «Riteniamo che l’energia nucleare sarà determinante per affrontare la triplice sfida di ridurre la povertà energetica, elettrificare le applicazioni industriali e sostituire i combustibili fossili», spiega il presidente agli azionisti.

Cameco è la più grande società di uranio quotata indipendente al mondo: Exor ad oggi ne possiede il 2,4%, una partecipazione che vale circa 200 milioni di dollari. Non si conosce invece il valore della quota detenuta in NexGen, società che, dice Elkann, «sta sviluppando il più grande progetto di uranio a basso costo a livello globale». Nella lettera agli azionisti, il presidente di Exor sottolinea come Cina e Stati Uniti puntino forte sulle centrali nucleari per ridurre le emissioni di gas serra e come la Commissione europea abbia incluso questa forma di energia tra quelle finanziabili nell’ambito della transizione ecologica. «Sebbene il quadro della domanda sia più brillante che mai, l’industria dell’uranio è in un deficit strutturale dell’offerta», dice Elkann agli azionisti. «Tuttavia, a nostro avviso, i prezzi dovranno aumentare ulteriormente per incentivare nuovi progetti, a vantaggio dei nostri investimenti poiché godono di consistenti riserve a basso costo». Dopo il rosso da 30 milioni di euro patito nel 2020 causa emergenza Covid, nel 2021 Exor – sede ad Amsterdam – ha registrato un utile consolidato di 1,7 miliardi di euro e ha visto crescere del 30% il valore patrimoniale netto per azione. In qualità di presidente, John Elkann ha percepito un compenso pari a 3,6 milioni di euro, in calo rispetto ai 4,6 milioni del 2020.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene
Economia / Quali sono le tasse per il settore giochi? Una panoramica sulle principali imposte da assolvere
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Economia / Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”
Economia / Bonus 200 euro, si allarga la platea: andrà anche a disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza
Cronaca / Elon Musk sospende “temporaneamente” l’offerta per Twitter