Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Italgas, Gallo a TPI: “Il price cap europeo è la misura migliore per far fronte al caro bollette”

Immagine di copertina
In occasione del 185° compleanno di Italgas, primo distributore di gas in Italia, si è parlato molto di tematiche quali sostenibilità ed efficienza energetica. Perché sono importanti questi concetti per Italgas? Qual è la vostra politica ESG?

Più che essere una politica, la sostenibilità è parte integrante del nostro piano industriale. In primo piano abbiamo la riduzione delle nostre emissioni di CO2 e di quelle dei nostri fornitori, ma anche il taglio dei consumi di energia. Inoltre, siamo molto impegnati in politiche per il personale a cominciare dal tema Diversity & Inclusion: un altro driver fondamentale nel nostro piano. Teniamo conto di tutte le dimensioni della sostenibilità perché riteniamo che sia fondamentale per centrare i nostri obiettivi con successo.

Dal punto di vista dell’attualità, la proposta che arriva dall’Unione Europea di disaccoppiare l’elettricità dal gas, lei come la valuta?

Io credo che la prima proposta che il governo italiano ha fatto sia quella che funziona meglio, ossia il price cap. Per come funziona oggi il sistema, mettere un price cap al gas vuol dire apportare un beneficio anche ai prezzi dell’elettricità. Automaticamente il prezzo dell’energia diventa più basso, senza dover intervenire direttamente. Peccato solo che questa proposta, sul tavolo ormai da marzo o aprile, continui ad essere dibattuta. A me sembra la proposta più ragionevole. Il disaccoppiamento può essere una soluzione, ma potrebbe funzionare solo se prima si fa anche il price cap. Bisogna intervenire alla radice del problema, altrimenti si rischia di avere degli interventi non molto efficaci.

Lei ritiene che lo Stato dovrebbe fare qualcosa in più per abbassare il costo delle bollette che sta gravando su molte famiglie, in particolare sui ceti meno abbienti?

Come detto, ritengo sia necessario intervenire alla radice. Il tetto massimo al prezzo del gas è l’unica misura che avrebbe una conseguenza immediata e positiva per le bollette, e non solo quelle del gas; con il sistema del marginal price abbasserebbe anche il costo dell’elettricità. Il governo ancora in carica aveva individuato questa soluzione, serve l’unanimità a livello Europeo per far sì che passi.

Un price cap imposto solo a livello nazionale non funzionerebbe?

Non funziona perché l’Italia ha interconnessioni sia dal punto di vista dell’elettricità sia del gas troppo importanti con il resto dell’Unione europea, quindi si rischierebbe di abbassare il prezzo dell’elettricità in Italia e poi altri Paesi verrebbero a comprare il gas in Italia, perché è più conveniente. Ci è riuscita in parte la Spagna per un motivo tecnico: perché le sue interconnessioni elettriche con la Francia, così come le interconnessioni del gas sempre con la Francia sono molto ridotte, e quindi questi rischi e queste possibilità sono molto più contenute. Noi abbiamo buone interconnessioni, quindi nel nostro caso la soluzione più efficace è un price cap europeo.

Rischiamo di favorire altri speculatori?

No, rischiamo solo di non raggiungere l’obiettivo finale.

Un suo commento sul probabile sabotaggio al Nord Stream 2?

Non sarà una cosa banale rimetterlo in funzione. Non è una cosa semplice, perché l’ingresso dell’acqua nelle tubazioni che portano gas genera molti disagi e richiede un grande lavoro di risanamento.

Entro quanto tempo l’Italia diventerà competitiva a livello internazionale sul piano delle fonti di energia alternative?

Rispetto ad altri Paesi, penso ad esempio alla Germania, abbiamo una situazione migliore. Abbiamo una pluralità di fonti di approvvigionamento che altri Paesi non hanno. Il biometano, ad esempio, è una produzione interna e può contribuire in modo importante alla diversificazione delle fonti energetiche. Italgas sta lavorando molto da questo punto di vista, abbiamo molte richieste per l’allacciamento di impianti di biometano alla nostra rete di distribuzione e stiamo digitalizzando le nostre reti in modo che siano in grado di accogliere e distribuire anche gas rinnovabili come appunto il biometano, ma anche l’idrogeno nel prossimo futuro e il metano sintetico. Riusciremo ad affrancarci dalla dipendenza del gas russo in tempi brevi se riusciremo anche a sviluppare altre fonti di energia interne, a cominciare dai gas rinnovabili come indicato dal REPowerEu. Questo avrebbe effetti sul costo dell’energia e noi saremo più competitivi di altri.

Come giudica la diversificazione energetica che ha messo in atto il governo uscente?

È stata ottima ed è stata possibile anche grazie alle infrastrutture che avevamo. Avessimo avuto anche qualche rigassificatore in più, sarebbe stata ancora più efficace.

Ti potrebbe interessare
Economia / Nuovo accordo tra Luiss Business School, LEME e DEAS per formazione e ricerca sulla cybersecurity
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Ti potrebbe interessare
Economia / Nuovo accordo tra Luiss Business School, LEME e DEAS per formazione e ricerca sulla cybersecurity
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Pensioni / Trump si paragona a Navalny: “Gli Usa stanno diventando un Paese comunista”
Economia / Stellantis valuta di produrre auto elettriche cinesi a Mirafiori
Economia / Le Bahamas non sono più un paradiso fiscale, almeno per l’Ue
Economia / A Roma la prima riunione dell’EMC di UIC sotto la presidenza dell’AD Luigi Ferraris