Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Nuova Alitalia, soliti buchi: Ita Airways perde 2 milioni al giorno

Immagine di copertina
Nei suoi primi due mesi e mezzo di vita la nuova compagnia aerea di bandiera Ita Airways ha perso in media 1,9 milioni di euro al giorno. Il Ministero dell’Economia – unico socio – ha approvato il bilancio del 2021, anno iniziato di fatto lo scorso 15 ottobre in coincidenza con il primo volo decollato da Milano Linate: a fronte di 1,26 milioni di passeggeri trasportati e 86 milioni di fatturato, si contano 149 milioni di rosso. Un buco che include i 90 milioni pagati per mettere le mani sul marchio Alitalia, mentre l’acquisizione del ramo aviation dall’ex vettore pubblico è stata conclusa per la somma simbolica di un euro.
E dire che a ottobre, all’inizio dell’avventura, il presidente Alfredo Altavilla (ex braccio destro di Sergio Marchionne in Fiat) aveva dichiarato: «I nostri azionisti sono gli italiani, a loro dobbiamo dimostrare che non butteremo i soldi pubblici. Ita Airways può essere redditiva perché nasce con le giuste dimensioni industriali, come flotta aerea e come dipendenti». Se questi sono i primi risultati economici, significa che evidentemente qualcosa non è andato secondo previsione (su TPI eravamo stati facili profeti, avvertendo già a ottobre che il piano industriale scricchiolava).Intanto, per Altavilla e per il direttore generale Fabio Lazzerini il Tesoro ha dato il via libera a una retribuzione di 400mila euro lordi ciascuno.
Entrambi avranno diritto poi a ulteriori 400mila euro in caso di raggiungimento di alcuni obiettivi, il più importante dei quali è sostanzialmente la vendita della compagnia ai privati. Proprio nei giorni scorsi si è aperta la data room per consentire ai potenziali acquirenti di esaminare la situazione contabile della società. Le cordate interessate al momento sono tre: la prima vede il gruppo navale Msc al fianco della compagnia aerea tedesca Lufthansa, la seconda è costituita dall’alleanza tra il fondo statunitense Certares e i due giganti aerei Delta e Air France, poi c’è il fondo di private equity Indigo.
Ti potrebbe interessare
Economia / Stazioni del territorio: il progetto del gruppo Fs per rigenerare i piccoli centri con nuovi servizi
Economia / La rivoluzione smart della logistica
Economia / L’AD del Gruppo Fs Luigi Ferraris: “Anno record in termini di capacità e sviluppo”
Ti potrebbe interessare
Economia / Stazioni del territorio: il progetto del gruppo Fs per rigenerare i piccoli centri con nuovi servizi
Economia / La rivoluzione smart della logistica
Economia / L’AD del Gruppo Fs Luigi Ferraris: “Anno record in termini di capacità e sviluppo”
Ambiente / Luce per la casa: con la fine del mercato tutelato occhi puntati sulle offerte attente all’ambiente
Economia / Aree di servizio con colonnine per la ricarica elettrica: Ip e Macquarie danno vita alla joint venture IPlanet
Economia / La Starlink di Elon Musk contro Tim: “Ostacola lo sviluppo dei nostri servizi satellitari per Internet veloce”
Economia / Stop allo smart working semplificato, si torna alle regole pre-Covid. Cosa cambia
Economia / Anomalia sui conti Bnl: i clienti si trovano addebiti multipli e saldi azzerati. Poi la banca risolve il problema
Economia / Il patrimonio dell’1% più ricco degli americani ha superato la cifra record di 44mila miliardi di dollari
Economia / Chiara Ferragni esce dal consiglio di amministrazione di Tod’s