Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Nuova Alitalia, soliti buchi: Ita Airways perde 2 milioni al giorno

Immagine di copertina
Nei suoi primi due mesi e mezzo di vita la nuova compagnia aerea di bandiera Ita Airways ha perso in media 1,9 milioni di euro al giorno. Il Ministero dell’Economia – unico socio – ha approvato il bilancio del 2021, anno iniziato di fatto lo scorso 15 ottobre in coincidenza con il primo volo decollato da Milano Linate: a fronte di 1,26 milioni di passeggeri trasportati e 86 milioni di fatturato, si contano 149 milioni di rosso. Un buco che include i 90 milioni pagati per mettere le mani sul marchio Alitalia, mentre l’acquisizione del ramo aviation dall’ex vettore pubblico è stata conclusa per la somma simbolica di un euro.
E dire che a ottobre, all’inizio dell’avventura, il presidente Alfredo Altavilla (ex braccio destro di Sergio Marchionne in Fiat) aveva dichiarato: «I nostri azionisti sono gli italiani, a loro dobbiamo dimostrare che non butteremo i soldi pubblici. Ita Airways può essere redditiva perché nasce con le giuste dimensioni industriali, come flotta aerea e come dipendenti». Se questi sono i primi risultati economici, significa che evidentemente qualcosa non è andato secondo previsione (su TPI eravamo stati facili profeti, avvertendo già a ottobre che il piano industriale scricchiolava).Intanto, per Altavilla e per il direttore generale Fabio Lazzerini il Tesoro ha dato il via libera a una retribuzione di 400mila euro lordi ciascuno.
Entrambi avranno diritto poi a ulteriori 400mila euro in caso di raggiungimento di alcuni obiettivi, il più importante dei quali è sostanzialmente la vendita della compagnia ai privati. Proprio nei giorni scorsi si è aperta la data room per consentire ai potenziali acquirenti di esaminare la situazione contabile della società. Le cordate interessate al momento sono tre: la prima vede il gruppo navale Msc al fianco della compagnia aerea tedesca Lufthansa, la seconda è costituita dall’alleanza tra il fondo statunitense Certares e i due giganti aerei Delta e Air France, poi c’è il fondo di private equity Indigo.
Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Ti potrebbe interessare
Economia / Transizione energetica, i legali di Rodl & Partner: “Dal governo misure facilitanti per sviluppare fonti rinnovabili”
Economia / Arriva il bonus auto e moto: da lunedì incentivi fino a 5mila euro
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Economia / Veneto, in 4 mesi si licenziano in 66mila: si torna a parlare di “grandi dimissioni”
Economia / Bonus 200 euro, si allarga la platea: andrà anche a disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza
Cronaca / Elon Musk sospende “temporaneamente” l’offerta per Twitter
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Economia / Criptovalute e NFT: il punto sulle regolamentazioni di Criptovaluta.it della Alessio Ippolito S.r.l.
Cronaca / Bonus 200 euro anche a disoccupati, colf e percettori del reddito di cittadinanza