Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Fca ha ritirato la proposta di fusione con Renault

Immagine di copertina

Fca Renault | Fiat Chrysler Automobiles | Ritirata proposta fusione

FCA RENAULT – Non ci sarà un matrimonio tra Fca e Renault. Il consiglio di amministrazione di Fiat Chrysler Automobiles presieduto da John Elkann, come spiegato in una nota dell’azienda, ha deciso “di ritirare con effetto immediato” la proposta di fusione avanzata a Groupe Renault.

Fca Renault | Il comunicato di Fiat Chrysler

Nel comunicato Fca cfa sapere che  continua a essere “fermamente convinta della stringente logica evolutiva di una proposta che ha ricevuto ampio apprezzamento sin dal momento in cui è stata formulata e la cui struttura e condizioni erano attentamente bilanciati al fine di assicurare sostanziali benefici a tutte le parti. È tuttavia divenuto chiaro che non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo”.

Fca ha anche espresso “sincera gratitudine a Groupe Renault, in particolare al suo presidente, al suo amministratore delegato ed agli Alliance Partners, Nissan Motor Company e Mitsubishi Motors Corporation, per il loro costruttivo impegno in merito a tutti gli aspetti della proposta di Fca”. Fiat Chrysler Automobiles “continuerà a perseguire i propri obiettivi implementando la propria strategia indipendente”.

Fca Renault | Il comunicato della casa francese

A dare notizia del ritiro della proposta erano stati l’agenzia Bloomberg e il Wall Street Journal citando alcune fonti. Come ricostruito da Bloomberg, Fca ha ritirato la sua proposta su Renault dopo che il consiglio della casa automobilistica francese non ha deliberato in merito all’operazione al secondo giorno di riunione. Al ritiro della proposta si è giunti dopo una lunga giornata. Il cda di Renault, convocato per il secondo giorno consecutivo a Bologne-Billancourt, alle porte di Parigi, dopo sei ore di discussione, ha comunicato di “non essere in grado di prendere una decisione a causa dell’auspicio espresso dai rappresentanti dello Stato francese di rinviare il voto a un consiglio ulteriore”.

A spingere verso questa decisione avrebbe contribuito anche l’atteggiamento di Nissan ostile all’operazione, che avrebbe messo a rischio l’alleanza con il gruppo francese. Secondo fonti di stampa lo stato francese non intende approvare la fusione senza garanzie su un proseguimento dell’alleanza fra Nissan e Renault. E per questo avrebbe chiesto di posticipare il voto. A quanto pare due rappresentanti di Nissan nel cda Renault avrebbero ritirato l’appoggio alla proposta di fusione presentata da Fca, alimentando i dubbi sull’impegno di Nissan a salvaguardare l’alleanza con Renault.

Renault in un comunicato ha precisato che continuerà a esaminare ”con interesse” la proposta ricevuta. “Il cda di Renault – si legge nella nota diffusa dopo la mezzanotte da Renault, dopo le sei ore di riunione nel quartier generale di Boulogne-Billancourt – si è riunito sotto alla presidenza di Jean-Dominique Senard per continuare a studiare con interesse la proposta di Fca riguardante una potenziale fusione 50/50 tra Renault e Fca”. “Il consiglio di amministrazione – si conclude nel comunicato – non è stato in grado di prendere una decisione a causa dell’auspicio espresso dai rappresentanti dello Stato francese di rinviare il voto ad un consiglio ulteriore”.

Fca Renault | Il calo in Borsa

Le indiscrezioni e la notizia riguardanti il ritiro della proposta hanno generato un calo dei titoli Fca a Wall Street.

Sui mercati finanziari c’è stata una reazione negativa anche per i titoli di Nissan e Mitsubishi Motors, all’indomani del ritiro della proposta di fusione della Fca alla Renault, quest’ultima già partner delle due case auto nipponiche.

L’azienda transalpina controlla il 43 per cento della Nissan, mentre la casa auto giapponese possiede appena il 15 per cento dell’alleato francese, senza diritti di voto, malgrado Nissan continui a vendere un numero di gran lunga superiore di auto: nel 2018, pari a 5,65 milioni di vetture, contro i 3,88 milioni di Renault. A poco più di un’ora dal termine delle contrattazioni a Tokyo, Nissan cede l’1,10 per cento a 755 yen, mentre la Mitsubishi Motors perdeva il 4,70 per cento a 504 yen.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio