Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Dentifricio “sbiancante”, confermata la multa a Colgate Palmolive per pubblicità ingannevole: sanzione da 500mila euro

Immagine di copertina

Il Tar ha confermato la decisione dell'Antitrust

Dentifricio sbiancante, confermata multa a Colgate: pubblicità ingannevole

Il Tar del Lazio ha confermato la multa inflitta ad ottobre 2018 dall’Antitrust alla società Colgate per una pubblicità ingannevole di un dentifricio sbiancante. La sanzione, da 500mila euro, riguarda in particolare la promozione del dentifricio “sbiancante” Colgate “Expert White”. Il motivo è l’assenza di prove che il prodotto in questione abbia proprietà tali da far regredire l’ingiallimento dei denti in appena tre settimane di utilizzo.

Secondo l’Autorità, il messaggio pubblicitario è da considerarsi ingannevole perché avrebbe erroneamente suggerito o evocato una equiparazione tra i risultati conseguibili con l’utilizzo di Colgate “Expert White” e i trattamenti sbiancanti professionali.

> Le notizie di economia di TPI

Per il Tar “il provvedimento impugnato ha diffusamente indicato le ragioni per cui il claim sopra riportato presentava profili di ingannevolezza”. In merito poi al fatto che la ricorrente, la Colgate Palmolive, ha sostenuto la correttezza delle affermazioni veicolate nel messaggio pubblicitario (in quanto suffragate da due studi clinici forniti, risalenti al novembre-dicembre 2014) il Collegio ha osservato che “gli studi in questione sono stati attentamente valutati dall’Autorità, che tuttavia ha ritenuto le deduzioni ivi presenti non sufficienti a dimostrare l’efficacia del prodotto secondo i termini pubblicizzati”.

In altre parole, per il Tribunale amministrativo regionale del Lazio “la motivazione del provvedimento impugnato risulta scevra da vizi” segnalati dalla società ricorrente. Nel quantificare la sanzione, che nel ricorso veniva giudicata “sproporzionata”, l’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) “si è attenuta ai parametri di riferimento” individuati dalla legge.

Ti potrebbe interessare
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Ti potrebbe interessare
Economia / Nuove criptovalute da comprare nel 2022
Economia / Il profitto in fondo al tunnel: l’ultima battaglia di Musk è contro il traffico
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Economia / Ita, il manager Alfredo Altavilla: “Stipendio troppo basso, lede la mia storia”
Economia / Altro che più libertà: le criptovalute favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi (di A. Stille)
Economia / Bonus 200 euro, chi dovrà fare richiesta e chi lo riceverà in automatico
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Economia / Bonus condizionatori: ecco chi può averlo e come si ottiene
Economia / Quali sono le tasse per il settore giochi? Una panoramica sulle principali imposte da assolvere