Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Credem Holding chiude il 2019 con un utile consolidato di 154,6 milioni di euro (+9,6%)

Immagine di copertina
Giorgio Ferrari - Presidente Credemholding

Il bilancio sarà sottoposto all’Assemblea dei Soci prevista in prima convocazione il 5 maggio 2020 ed in seconda convocazione il 6 maggio 2020

Credemholding: approvati i risultati 2019

Sotto la presidenza di Giorgio Ferrari, il Consiglio di Amministrazione di Credemholding (società che controlla il 77,7% del capitale di Credito Emiliano S.p.A.), ha esaminato nella seduta del 9 aprile il progetto di bilancio individuale e consolidato del 2019 definitivo, confermando i risultati preliminari comunicati lo scorso 6 febbraio.

Il bilancio sarà sottoposto all’Assemblea dei Soci prevista in prima convocazione il 5 maggio 2020 ed in seconda convocazione il 6 maggio 2020.

La Società, nel dettaglio, ha registrato a fine 2019 un utile consolidato di 154,6 milioni di euro, in crescita del 9,6% rispetto a 141 milioni di euro del 2018.

Il Consiglio di Amministrazione, in conformità con la raccomandazione della Banca Centrale Europea (ECB/2020/19) alla luce dell’epidemia Covid-19, ha deliberato di proporre la destinazione di tutto il risultato d’esercizio a riserva, progettando la convocazione di una successiva Assemblea per la distribuzione di quota parte delle riserve.

Quest’ultima, in base alla citata raccomandazione, potrà essere convocata non prima del 1° Ottobre 2020 e comunque successivamente al venir meno dell’incertezza causata dall’attuale situazione sanitaria.

“In tal senso si ringraziano sin d’ora gli Azionisti di Credemholding che hanno costantemente sostenuto lo sviluppo dell’Istituto e che sono oggi chiamati ad aderire a questa richiesta dell’Autorità di Vigilanza”, recita una nota del Gruppo.

“Si ricorda, a tale riguardo, la riconosciuta solidità del Gruppo Bancario, confermata da un giudizio SREP (requisito patrimoniale) assegnato dalla Banca Centrale Europea al vertice tra tutte le banche commerciali europee vigilate direttamente, e la prudenza da sempre dimostrata nel destinare la maggioranza degli utili generati negli ultimi anni a sostenere la crescita degli impieghi e dell’economia”.

A seguito di tale decisione, si determinerebbe un ulteriore rafforzamento dei coefficienti patrimoniali e, relativamente al dato di dicembre 2019, il CET1 ratio raggiungerebbe il 13,74%, aumentando di 22 punti base.

Ti potrebbe interessare
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Ti potrebbe interessare
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Economia / Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Economia / Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti
Economia / Altro che riduzione delle emissioni per salvare l’ambiente: Eni aumenterà la produzione di gas