Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Blocco licenziamenti, il piano del governo: proroga fino a inizio estate

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 17 Feb. 2021 alle 08:58 Aggiornato il 17 Feb. 2021 alle 11:38
65
Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Il governo Draghi, atteso oggi alla fiducia in Parlamento, inizia ad affrontare i primi nodi lasciati in eredità dalla crisi aperta da Renzi e chiusa da Mattarella con l’incarico all’ex presidente della Bce Mario Draghi. Sul tavolo, innanzitutto, il blocco dei licenziamenti attualmente in vigore fino al 31 marzo. Sarà infatti la proroga o meno del blocco che dovrà accompagnare la nuova Cig Covid estesa dal governo fino a 26 settimane nel Dl Ristori cinque. Le imprese si oppongono ad una nuovo provvedimento generalizzato per tutte le imprese e tutti i settori; i sindacati lo invocano invece, almeno fino all’estate, come unico rimedio, al momento, alla bomba sociale che altrimenti esploderebbe. Uno scenario che, secondo alcuni calcoli, metterebbe a rischio 1,2 milioni di posti nell’Italia piegata dalla pandemia.

Tra le ipotesi più accreditate ci sarebbero ancora tre mesi di stop ai licenziamenti. Per poi procedere, nella seconda metà del 2021, ad un graduale allentamento una volta definita la riforma degli ammortizzatori sociali.

Lo stop, in vigore dal 17 marzo 2020 per arginare gli effetti del Covid sull’occupazione, è stato prorogato già per tre volte. Gli industriali spingono per allentare i vincoli, i sindacati premono per proseguire sulla linea adottata finora. “Dove ci sono attività ferme perché il governo decide di fermarle è giusto che ci sia il blocco dei licenziamenti” ha sottolineato il vicepresidente di Confindustria per il lavoro e le relazioni industriali, Maurizio Stirpe, incontrando in teleconferenza il ministro del Lavoro Orlando. Aggiungendo però che “dove non ci sono condizioni di sospensione per legge, ma riduzione di attività dovute al mercato, dobbiamo consentire alle aziende di potersi riposizionare per far ripartire il mercato del lavoro”.

L’ipotesi definita dal precedente esecutivo prevedeva una proroga, ma legata alla fruizione della Cig Covid. Ora il punto di caduta, secondo quanto si apprende da diverse fonti della nuova maggioranza, potrebbe invece consistere nel prolungare il disco rosso ai licenziamenti fino al 30 giugno prossimo; sperando che nel frattempo la situazione economica vada a migliorare. La decisione non è ancora presa: nei prossimi giorni sono previsti contatti tra lo stesso Orlando e gli altri ministri e l’ultima parola, ovviamente, spetterà al premier Mario Draghi.

Leggi anche: “Decontribuzione, anno fiscale bianco e stop blocco licenziamenti: cosa serve alle imprese del turismo”

Leggi anche: 1. Covid, il colpo di grazia per il benessere degli italiani: aumentano le disuguaglianze e preoccupa il 2021 /2. Il dramma degli allestitori fieristici: “Perdite del 90% ma per il governo siamo invisibili” /3. Università chiuse, case sfitte: così il Covid colpisce anche il mercato degli affitti agli studenti fuorisede

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

65
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.