Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Benedetto Roberto Ingoglia: “I rischi del Superbonus 110% riguardano anche i General Contractor”

Immagine di copertina
Benedetto Roberto Ingoglia

I rischi connessi al Superbonus 110% non interessano esclusivamente il cliente finale: colpiscono in modo diretto anche le ditte incaricate dei lavori ed i General Contractor come la Energy Italy Spa. Lo ha dichiarato senza mezzi termini Benedetto Roberto Ingoglia, il fondatore dell’azienda leader nel campo delle energie rinnovabili che ormai rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro che intendono approfittare del Superbonus 110%. Da grande opportunità, questo incentivo alla ristrutturazione e all’efficientamento energetico degli edifici promosso dal Governo si è trasformato in un vero problema ormai. I continui cambiamenti che si sono susseguiti a livello normativo hanno infatti determinato diversi slittamenti ed un prolungarsi delle tempistiche, che come sappiamo sono molto strette ormai.

La Energy Italy Spa di Benedetto Roberto Ingoglia nel ruolo di General Contractor

Nel ruolo di General Contractor, la Energy Italy Spa fondata ormai 10 anni fa dall’imprenditore di Partanna Benedetto Roberto Ingoglia ha dovuto affrontare non poche difficoltà proprio per via delle frequenti modifiche normative riguardanti il Superbonus 110%. Difficoltà che è riuscita a superare grazie alla sua solidità e alla creazione di una rete di imprese nella quale convergono più di 235 ditte edili dislocate su tutto il territorio nazionale. Non solo: a rivelarsi determinante è stata anche la fondazione della Energy Ing, società di ingegneria facente parte del Gruppo nella quale convergono oltre 340 tecnici qualificati ed impegnati nella progettazione degli interventi del Superbonus 110%. Ricordiamo che la Energy Italy Spa di Benedetto Roberto Ingoglia, in qualità di General Contractor, ha fornito il proprio supporto ad oltre 500 abitazioni unifamiliari e 350 piccoli condomini.

Parliamo insomma di un’azienda che si è rivelata fondamentale per quanto riguarda l’applicazione del Superbonus 110% in Italia, soprattutto alla luce dei numerosi limiti e degli enormi problemi che si sono susseguiti e continuano ad esistere in questo settore.

Benedetto Roberto Ingoglia: le modifiche normative alla base dei problemi del Superbonus 110%

Come dichiarato chiaramente dallo stesso Benedetto Roberto Ingoglia, i problemi che sono sorti con il Superbonus 110% sono tutti conseguenti alle troppe modifiche normative che si sono susseguite da quando la stessa agevolazione è stata lanciata dal Governo. L’imprenditore di Partanna ha sottolineato come già con il Decreto Rilancio entrato in vigore nel luglio del 2020 siano arrivate le primissime difficoltà. Alle imprese e ai proprietari delle abitazioni infatti era previsto un arco temporale di 2 anni e mezzo per effettuare i lavori, ma lo stesso decreto è diventato operativo solo nel febbraio del 2021. Questo significa che circa 6 mesi sono stati persi così, per cavilli burocratici che hanno creato dei disagi non indifferenti a tutti i soggetti coinvolti.

Le varie modifiche normative introdotte poi di volta in volta hanno costretto a molteplici revisioni dei progetti, ripercuotendosi in modo significativo sull’operato dei General Contractor e sul rispetto delle tempistiche, che già erano stringenti. Ma non è tutto, perché con il Decreto Antifrode emanato lo scorso ottobre la situazione si è complicata ulteriormente in quanto di fatto il Superbonus 110% è stato bloccato.

Tutte queste difficoltà hanno interessato i clienti finali ma anche le ditte e la stessa Energy Italy Spa, in qualità di General Contractor, ha dovuto superare parecchi ostacoli. Grazie alla sua solidità e alla sua rete di imprese, l’azienda di Benedetto Roberto Ingoglia è riuscita comunque a portare avanti i progetti avviati e lo sta ancora facendo. Questo tuttavia dovrebbe far riflettere sull’importanza di affidarsi ad un partner che sia qualificato ma anche strutturato, perché per superare le difficoltà che si sono prospettate davanti ai soggetti coinvolti in questi ultimi mesi era necessaria una rete non indifferente.

Energy Italy Spa di Benedetto Roberto Ingoglia: un partner di fiducia per il Superbonus 110%

In sostanza, la Energy Italy Spa di Benedetto Roberto Ingoglia non si è solo confermata un’azienda leader nel settore delle energie rinnovabili. In questi ultimi mesi ha dimostrato il suo ruolo, fondamentale, di partner di fiducia per quanto riguarda gli interventi del Superbonus 110%. In qualità di General Contractor, questa azienda è stata in grado di superare una serie di difficoltà di fronte alle quali le realtà meno strutturate purtroppo hanno dovuto soccombere. Difficoltà legate a cavilli normativi, a tempistiche strette e a disegni di legge sicuramente non perfetti, sotto vari punti di vista. Difficoltà che però le aziende più solide e strutturate riescono comunque a superare, rivelandosi veri e propri punti di riferimento irrinunciabili nel panorama italiano, oggi più che mai. 

Ti potrebbe interessare
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Ti potrebbe interessare
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Pensioni / Trump si paragona a Navalny: “Gli Usa stanno diventando un Paese comunista”
Economia / Stellantis valuta di produrre auto elettriche cinesi a Mirafiori
Economia / Le Bahamas non sono più un paradiso fiscale, almeno per l’Ue
Economia / A Roma la prima riunione dell’EMC di UIC sotto la presidenza dell’AD Luigi Ferraris
Economia / Quelle aziende che pagano per non assumere disabili
Economia / Stellantis chiede soldi allo Stato, ma intanto stacca un dividendo da 4,7 miliardi agli azionisti
Economia / Il gap incolmabile tra ricchi e poveri e quei conti che non tornano: il nostro pianeta è dilaniato dalle disuguaglianze