Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Salone del Libro, Altaforte risponde alle polemiche: “Il vero male è l’antifascismo”

Immagine di copertina
Francesco Polacchi, fondatore di Altaforte

Il Salone del Libro 2019 è al centro di forti polemiche per la presenza dello stand di Altaforte, casa editrice vicina a Casapound. Alcuni intellettuali hanno annunciato che non boicotteranno la rassegna per evitare di accostare il proprio nome a quello di una casa editrice considerata fascista.

Tutto quello che c’è da sapere sul Salone del Libro 2019

Tra gli altri, hanno annunciato che non parteciperanno al Salone del Libro il fumettista Zerocalcare, la scrittrice Michela Murgia, il collettivo Wu Ming e ferma condanna è arrivata dall’Anpi, l’associazione nazionale partigiani.

Altaforte, che ha recentemente pubblicato il libro-intervista del leader del vicepremier leghista, Matteo Salvini, ha risposto alle polemiche che l’hanno investita. A parlare è stato il fondatore della casa editrice, Francesco Polacchi.

Altaforte, la casa editrice vicina a Casapound

“Eravamo pronti alle polemiche, ma non a questo livello allucinante di cattiverie”, osserva il numero uno di Altaforte. “C’è addirittura chi sui social ha scritto che verrà a Torino per tirarci le molotov…”.

Come già detto qualche giorno fa in una intervista, Polacchi si autodefinisce fascista. “Io sono fascista. L’antifascismo è il vero male di questo Paese”, dice.

Polacchi, 33 anni, romano, è un’attivista di Casapound ed è titolare anche del marchio di moda Pivert, lo stesso della giacca indossata da Matteo Salvini allo stadio un anno fa, che suscitò una serie di polemiche.

Gli organizzatori del Salone del Libro a TPI: “Il Libro di Salvini ci sarà, ma nessun politico prenderà la parola”

Il libro-intervista di Salvini sarà pubblicato dalla casa editrice di CasaPound

“Sì, sono fascista”: parla l’editore del libro di Salvini

Salvini non può proclamarsi apertamente fascista, e allora che fa? Pubblica un libro con CasaPound (di G. Cavalli)

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore